Nuovo virus: l’allarme degli scienziati

3 Febbraio 2021
Nuovo virus: l’allarme degli scienziati

Non solo Covid-19. Ci sarebbe un altro agente patogeno in agguato, scoperto di recente.

Fa paura perché è molto resistente; non solo sulle superfici, dov’è in grado di conservarsi a lungo, ma anche e soprattutto ai farmaci: al momento, non ne esiste uno in grado di debellarlo.

È la Candida auris, un fungo che assomiglia vagamente al lievito. È il nuovo virus su cui la scienza lancia l’allarme, perché attualmente non è in grado di contrastarlo. Da qui, il terribile pensiero che una pandemia di Candida auris metterebbe di nuovo il mondo punto e a capo, senza sapere come arginare la nuova emergenza.

La professoressa Johana Rhodes, epidemiologa all’Imperial College di Londra, lo ha detto a chiare lettere: «Una delle cose che rende la Candida auris così spaventosa è il fatto che può indugiare su superfici inanimate per lunghi periodi e resistere a tutto ciò a cui lo si sottopone», ha dichiarato alla rivista New Scientist.

I comuni farmaci contro i funghi nulla possono sul 90% di questo tipo di infezioni. Ecco perché una pandemia di Candida auris è particolarmente temuta.

Chi ha seguito con interesse l’ultima fiction di Rai Uno campione di incassi, Doc – Nelle tue mani, ricorderà senz’altro la Candida auris: colpisce uno dei personaggi principali in un momento cruciale della narrazione, oltre a far scattare in ospedale un rigoroso protocollo anticontagio e a portare il pensiero, inevitabilmente, al Coronavirus. La Candida auris, però, purtroppo, non è un artificio narrativo: esiste davvero.

Si chiama così – auris, dal latino, vuol dire «orecchio» – perché quando è stato rilevato si trovava nel canale auricolare di un cittadino giapponese.

Chi viene contagiato – cosa che accade solo per contatto con qualcuno che ha già la Candida auris o con una superficie infetta – ha sintomi molto simili all’influenza (e alla peste bubbonica): febbre, dolori articolari, brividi. Per questo motivo spesso è difficile diagnosticarlo, soprattutto in quei Paesi dove non è ancora molto diffuso. Non è certamente il caso degli Stati Uniti, dove la Candida auris sta diventando un’emergenza nazionale: è qualificato come «minaccia urgente».

Preoccupa non solo perché non esiste una cura o un medicinale per frenarne l’avanzata ma anche perché può attaccare chiunque, dai bambini agli anziani. Altro motivo di allarme è nel fatto che il personale sanitario, cioè quei professionisti che abbiamo visto essere in prima linea nel combattere una pandemia, è il più esposto in assoluto. Questo perché il fungo si attacca alle superfici – ad esempio delle attrezzature mediche dell’ospedale – ed è in grado di resistere molto a lungo.

La mortalità è altissima: alle condizioni attuali, senza un farmaco che blocchi l’infezione prima che arrivi al sangue, nel 50% dei casi non si sopravvive.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube