Moduli | Articoli

Lettera sospensione affitto: fac simile

7 Febbraio 2021
Lettera sospensione affitto: fac simile

In caso di impossibilità temporanea al pagamento del canone di locazione il conduttore può chiedere la sospensione momentanea dell’affitto.

Hai preso in affitto un locale commerciale. A causa della crisi economica, tuttavia, non sei in grado, momentaneamente, di pagare il canone di locazione mensile. Ti domandi se puoi chiedere una sospensione dall’obbligo di versamento del corrispettivo.

Possono essere molte le cause che determinano una temporanea impossibilità di pagare il canone di locazione mensile per il conduttore di un locale commerciale o di un immobile ad uso abitativo. Cosa si può fare in questi casi? L’ordinamento giuridico offre la possibilità di richiedere una temporanea sospensione dall’obbligo di pagamento del canone. In questo articolo, vi forniremo un modello di lettera sospensione affitto (fac simile) che può essere utilizzato per richiedere al proprietario dell’immobile il temporaneo esonero dal versamento del corrispettivo mensile.

Cos’è la locazione?

Il contratto di locazione [1] è un accordo attraverso il quale una parte (detta proprietario o locatore) concede in uso un bene mobile o immobile di sua proprietà ad un’altra parte (detta conduttore o locatario) per un determinato periodo di tempo e, come corrispettivo per l’utilizzo del bene, riceve un canone di locazione mensile.

Il contratto di locazione può essere sottoscritto dalle parti per soddisfare diverse finalità del conduttore del bene. Sulla base di tale distinzione, l’ordinamento disciplina in modo differente le locazioni abitative dalle locazioni non abitative. Nel primo caso, il bene immobile verrà utilizzato dal conduttore per stabilirvi la propria abitazione principale, per sé e per la sua famiglia. Nel secondo caso, invece, il conduttore utilizzerà il bene per svolgere un’attività di tipo industriale, commerciale, artigianale, professionale o turistico.

Sospensione dell’affitto: è possibile?

Il contratto di locazione è un contratto di durata. La legge [2] prevede, infatti, una durata minima inderogabile dalle parti, sia per le locazioni abitative che per le locazioni non abitative. Nel primo caso, in particolare, si prevede una durata minima di quattro anni e un meccanismo di rinnovo tacito alla prima scadenza per ulteriori quattro anni. La durata minima è, invece, di tre anni, con rinnovo tacito di ulteriori due anni, per i contratti a canone concordato. Nel caso delle locazioni non abitative, invece, la durata minima prevista dalla legge è di sei o di nove anni, a seconda della tipologia di attività che vi svolge il conduttore.

La lunga durata del rapporto contrattuale, tuttavia, fa sì che, nel corso dello svolgimento del contratto, possano intervenire delle circostanze che rendono il conduttore temporaneamente impossibilitato all’esecuzione della propria prestazione principale, ovvero il pagamento del canone mensile d’affitto. Cosa fare in questi casi? Il conduttore può chiedere la sospensione dell’affitto avvalendosi di una norma del Codice civile [3] secondo la quale, in caso di impossibilità temporanea della prestazione, il debitore, finché essa perdura, non è responsabile del ritardo nell’adempimento. Ne consegue che, per tutto il periodo in cui perdura un’impossibilità temporanea al pagamento del canone d’affitto, il ritardo nel pagamento del canone non configura responsabilità in capo al conduttore.

Sospensione dell’affitto: quali effetti?

La sospensione dell’affitto, in ogni caso, non deve essere confusa con l’esonero dal pagamento del canone di locazione. Nel caso della sospensione, infatti, il conduttore è temporaneamente esonerato dal pagamento dei canoni ma, quando la situazione che ha determinato l’impossibilità temporanea della prestazione viene meno, egli dovrà versare al locatore tutti i canoni che non sono stati versati nel periodo della sospensione. Diversamente, se il locatore concede un vero e proprio esonero dal pagamento del corrispettivo mensile, il locatore non dovrà versare i canoni nemmeno quando la condizione ostativa sarà venuta meno.


Fac simile lettera sospensione affitto

Per chiedere al proprietario di un immobile in locazione la sospensione dell’affitto si può utilizzare il modello che segue:

Luogo, data

raccomandata/ar

Gentile sig. __________,

scrivo la presente con riferimento al contratto di locazione tra noi intercorrente, stipulato in data ___ e avente ad oggetto l’uso del bene immobile sito in ______, via _______, n. ___.

A causa dei provvedimenti emergenziali adottati dal Governo per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 l’attività commerciale che svolgo all’interno dell’immobile locato è stata interdetta. L’interdizione, allo stato, perdurerà sino al ______. Conseguentemente, ai sensi dell’art. 1256 cod. civ., chiedo la temporanea sospensione del pagamento del canone di locazione fino al _____.

Certo dell’accoglimento della presente porgo

Cordiali saluti.

Firma _______

note

[1] Art. 1571 cod. civ.

[2] L. 431/1998.

[3] Art. 1256 co. 2 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube