Diritto e Fisco | Articoli

Obbligatoria la formazione sulla sicurezza del dipendente prima del trasferimento

19 Febbraio 2014 | Autore:
Obbligatoria la formazione sulla sicurezza del dipendente prima del trasferimento

Occorre integrare la formazione del lavoratore prima che venga trasferito ad altro ufficio/reparto se quest’ultimo comporta nuovi rischi per la sua salute o sicurezza.

 

Il datore di lavoro ha l’obbligo di formare il dipendente non solo quando questi viene adibito a mansioni diverse da quelle di assunzione ma anche quando, pur mantenendo le stesse mansioni, viene trasferito ad altro reparto o ufficio della stessa azienda che presenta nuovi rischi per salute e sicurezza.

È quanto chiarito dal Ministero del Lavoro [1] interrogato sulla necessità di provvedere o meno alla formazione sulla sicurezza dei lavoratori che, pur non cambiando qualifica, vengono spostati ad altro ufficio dell’unità produttiva.

La formazione del lavoratore in materia di salute e sicurezza si rende necessaria anche in caso di semplice trasferimento quando quest’ultimo potrebbe esporre il lavoratore a rischi nuovi e diversi rispetto a quelli sui quali era già stato formato, anche se le mansioni svolte non cambiano.

In tale ipotesi, la nuova formazione deve tener conto del luogo in cui il lavoratore viene traferito (che potrebbe essere caratterizzato da nuove procedure operative) e delle competenze acquisite fino a quel momento da quest’ultimo, in modo da fronteggiare tutti i potenziali fattori di rischio della nuova postazione lavorativa.

Il datore di lavoro ha quindi l’obbligo, in caso di rischi nuovi e specifici per la salute e sicurezza, di integrare la formazione del dipendente prima del trasferimento.

La legge [2] richiede una formazione adeguata e sufficiente con riguardo a:

– concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo, assistenza;

– rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda.

La formazione (o la sua integrazione) deve avvenire in occasione:

– della costituzione del rapporto di lavoro o dell’inizio dell’utilizzazione qualora si tratti di somministrazione di lavoro;

– del trasferimento o cambiamento di mansioni;

– della introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi.


note

[1] Ministero del Lavoro, nota protocollo n. 20791/2013.

[2] Art. 37 D.Lgs. n. 81/2008 (Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro).

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube