Diritto e Fisco | Articoli

Per costruire un campo di calcetto non c’è bisogno di autorizzazione amministrativa

2 Febbraio 2014
Per costruire un campo di calcetto non c’è bisogno di autorizzazione amministrativa

La concessione è necessaria quando l’opera abbia un impatto edilizio e, quindi, non è necessaria per la semplice posa delle porte, dei pali della luce per l’illuminazione e per gli spogliatoi piccoli.

Non c’è bisogno di autorizzazione amministrativa per costruire un campo di calcio o di calcetto se non sono previste opere edificatorie vere e proprie: in parole semplici, non c’è bisogno di alcun provvedimento autorizzativo per la realizzazione di una recinzione (è indifferente se su tre o quattro lati), dei pali di illuminazione, per la fissazione al suolo di due porte e per la posa di due container di piccole dimensioni come spogliatori. E ciò vale anche se il regolamento edilizio urbano impone la concessione edilizia per la realizzazione di impianti sportivi, anche all’aperto, senza specificare quali strutture destinate alla pratica sportiva rientrino nell’obbligo.

A dirlo è una recente sentenza del Consiglio di Stato [1].

Secondo i giudici bisogna evitare irragionevoli e sproporzionate complicazioni burocratiche quale potrebbe essere, ad esempio, l’imposizione della concessione edilizia anche per una semplice posa in opera di un canestro per il gioco “tre contro tre” o di un paio di porte per un campo di calcetto sotto casa.

La concessione amministrativa può essere imposta, allora, solo le volte in cui la realizzazione dell’impianto sportivo comporti attività aventi natura edilizia come la realizzazione di un battuto in cemento o altro materiale, l’innalzamento delle tribune amovibili o altro.

Nel caso, infatti, in cui la realizzazione di impianti sportivi abbia un impatto edilizio vi è la necessità del previo rilascio di autorizzazione espressa; tale autorizzazione si estende all’intero complesso sportivo, e coinvolge anche le opere di per sé realizzabili sulla base di mera comunicazione di parte.


note

[1] Cons. St. sent. n. 175/14 del 17.01.2014.

Autore immagine: 123rf.com

 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube