Diritto e Fisco | Articoli

Notifica a Pec piena

18 Giugno 2021
Notifica a Pec piena

Posta elettronica certificata: che cos’è e chi ha l’obbligo di attivarla; cosa succede se non funziona; in quali casi la notifica è nulla.

Sei un libero professionista o titolare di Partita Iva? Tra i tanti adempimenti burocratici che ti sarai trovato ad affrontare vi rientra anche quello di attivazione di una casella Pec. Avrai dovuto scegliere quella più idonea alle tue esigenze e procedere alla relativa registrazione.

Con la creazione di questo dominio digitale obbligatorio per legge, si possono riscontrare una serie di problematiche. Uno dei quesiti che potresti porti è quello di non aver ricevuto un messaggio Pec perché la tua casella era piena. Che succede in questi casi? Come si considera il messaggio che non è stato concretamente ricevuto? In sostanza, è nulla la notifica alla Pec piena? In questo articolo cercheremo di fornire una risposta a questa domanda.

Pec: cos’è e chi è obbligato ad attivarla?

La Posta elettronica certificata (o più comunemente Pec) è un sistema di comunicazione simile a quello della posta elettronica standard che consente di inviare e ricevere messaggi di testo e allegati con lo stesso valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento.

Nel momento in cui viene inviata una Pec, difatti, i gestori emettono delle ricevute elettroniche che certificano l’avvenuto invio e l’avvenuta ricezione di un documento informatico da parte del mittente nei confronti del destinatario.

Proprio come una raccomandata, quindi, un messaggio di Posta elettronica certificata viene racchiuso in una busta di trasporto virtuale sul quale viene applicata una firma elettronica (come il timbro dell’ufficio postale). Questo serve a garantirne la provenienza e l’inalterabilità. Prima di consegnare la Pec, il gestore effettua un controllo sulla validità della firma apposta e, in caso di esito positivo, consegna il messaggio al destinatario.

A questo punto, al mittente arriva una ricevuta di avvenuta consegna che, al pari della ricevuta di ritorno, certifica che il suo messaggio è giunto a destinazione.

La Pec è oramai obbligatoria per una serie di categorie espressamente indicate dalla legge cioè:

  • per i professionisti iscritti agli ordini e ai collegi;
  • per le società, le Partite Iva e le ditte individuali, compresi gli artigiani;
  • per le Pubbliche Amministrazioni.

Il Decreto Semplificazioni [1] ha previsto per tali soggetti l’obbligo di comunicare il proprio indirizzo Pec entro il 1 ottobre rispettivamente agli ordini di appartenenza (per i professionisti) e al registro delle imprese (per ditte e società); disponendo altresì, in caso di mancato rispetto dell’obbligo, l’assegnazione automatica di un indirizzo Pec d’ufficio e l’applicazione di una sanzione amministrativa.

Onere di controllare periodicamente la Pec

Il titolare della Pec ha l’onere di controllare periodicamente la propria casella per verificare l’eventuale arrivo di notifiche. Una dimenticanza o l’incuria o anche la semplice incapacità di compiere tale adempimento potrebbe implicare seri problemi. Difatti, se anche il destinatario è assente per lavoro, per malattia, o se incapace di utilizzare l’account, o ancora nell’ipotesi di un guasto tecnico al computer, o di assenza di linea internet, o di perdita della password e delle altre credenziali di accesso alla casella, la notifica si considera ugualmente perfezionata. Quel che conta, infatti, è la ricevuta di conferma, da parte del gestore Pec, inoltrata al mittente. Sarà questa la prova dell’avvenuta notifica, che farà sì che il procedimento si consideri valido anche se il destinatario non ha preso visione della comunicazione o dell’atto.

Pec piena o non funzionante: la notifica è nulla?

Caso diverso è quello in cui la casella Pec sia piena (ossia priva di spazio libero), non funzionante o ancora disattivata volontariamente. In questi casi, la notifica può considerarsi ugualmente valida? Già diversi anni fa, la giurisprudenza di merito [2] si era espressa in proposito considerando anche in questi casi perfettamente valida la notifica via Pec, attribuendo di fatto al titolare dell’account la responsabilità di mantenere la casella perfettamente funzionante e idonea al ricevimento dei messaggi.

Tale orientamento è stato poi confermato dalle sezioni civili della Corte di Cassazione con diverse pronunce [3]. Qui si afferma il principio secondo cui il perfezionamento della notificazione, qualora la casella Pec risulti piena, si ha con la ricevuta che attesta tale stato della casella. In sostanza, il messaggio in cui si comunica che la casella Pec del destinatario è piena, è equiparabile alla ricevuta di avvenuta consegna perché il mancato download nella casella piena è causato dalla mancata manutenzione della stessa da parte del destinatario.

Sul tema, è recentemente intervenuta anche la sezione penale della Corte di Cassazione [4] ribadendo ancora una volta il suesposto principio.

In sintesi, alla luce dell’interpretazione fornita dalla giurisprudenza prima di merito e poi di legittimità, le notifiche via Pec sono da considerarsi perfettamente valide anche nell’ipotesi di casella piena, non funzionante o disattivata volontariamente dal titolare, dipendendo da quest’ultimo la cattiva gestione del proprio dominio digitale.


note

[1] Art. 37 D.L. n. 37 del 2020.

[2] Trib. Viterbo del 2015.

[3] Cass. 3164/2020, 7029/2018;

[4] Cass.14216/2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Per evitare questi inconvenienti ho creato diversi indirizzi e-mail visto che ogni giorno invio e ricevo tantissime e-mail. Ho riservato la pec alle comunicazioni di servizio che necessitano della posta elettronica certificata, mentre tutto il resto lo uso per le comunicazioni quotidiane e, nonostante ciò, mi ritrovo sempre con la casella piena

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube