Diritto e Fisco | Articoli

Quali sono le funzioni della Corte Costituzionale?

31 Maggio 2021 | Autore:
Quali sono le funzioni della Corte Costituzionale?

Le attribuzioni che spettano alla Consulta in base alla Costituzione.

La Costituzione [1] stabilisce che la Corte Costituzionale si compone di quindici membri. Cinque sono nominati dal Presidente della Repubblica, cinque sono nominati dal Parlamento riunito in seduta comune (Senato e Camera insieme cioè) e cinque nominati dalle supreme magistrature ordinaria ed amministrativa (tre sono nominati dalla Corte di Cassazione, uno dalla Corte dei Conti ed uno dal Consiglio di Stato).

Possono essere nominati giudici della Corte Costituzionale i magistrati, anche a riposo, appartenenti alle giurisdizioni superiori (Cassazione, Corte dei Conti, Consiglio di Stato) oppure i professori ordinari di università in materie giuridiche e gli avvocati dopo venti anni di esercizio. I giudici della Consulta restano in carica nove anni a partire dal giorno del giuramento e non possono essere nominati una seconda volta. La Corte Costituzionale sceglie infine il proprio Presidente fra i suoi membri.

Ma quali sono le funzioni della Corte Costituzionale? Tenteremo di rispondere a questa domanda nei prossimi paragrafi.

Che funzioni ha la Corte Costituzionale?

Dopo aver illustrato nell’introduzione la composizione della Corte Costituzionale, a seguire analizzeremo quali sono le sue competenze.

La Costituzione stabilisce che la Corte Costituzionale [2] giudica:

  • sulle controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi e degli atti, aventi forza di legge, dello Stato e delle Regioni.
  • sui conflitti tra i poteri dello Stato e sui conflitti tra lo Stato e le Regioni e tra le Regioni;
  • sulle accuse promosse contro il Presidente della Repubblica per alto tradimento o attentato alla Costituzione [3];
  • giudica sull’ammissibilità dei referendum.

Ma cosa significa giudicare le controversie sulla legittimità costituzionale delle leggi e degli atti, aventi forza di legge, dello Stato e delle Regioni? Significa che la Corte Costituzionale stabilisce se una legge (o un decreto legge o un decreto legislativo) dello Stato o una legge regionale rispetta o no le norme della Costituzione.

La Corte Costituzionale non può avviare di sua iniziativa il procedimento per stabilire se una legge è incostituzionale o no. Infatti, solo le parti coinvolte in un processo possono chiedere al giudice di sottoporre una norma al giudizio della Corte Costituzionale (se il giudice di quel processo consentirà di sottoporre la norma al giudizio della Corte Costituzionale, quel processo sarà sospeso fino a che la Corte si sarà pronunciata).

La Corte, poi, dirime i contrasti che dovessero insorgere tra i poteri dello Stato (ad esempio, conflitti sulle competenze tra le Camere ed il Governo, oppure tra lo Stato e le Regioni).

Infine, la Corte è competente a giudicare (integrata da sedici giudici popolari) il Presidente della Repubblica per le accuse che il Parlamento gli abbia rivolto per altro tradimento o attentato alla Costituzione (cosiddetto impeachment) e a valutare se sono ammissibili o meno le richieste di sottoporre una legge a referendum popolare abrogativo.

Se nel corso di un processo civile o penale, il giudice dovrà emettere la sua sentenza sulla base di una norma che l’avvocato di una delle parti (o il giudice stesso) pensa sia incostituzionale, il giudice potrà sospendere il processo e chiedere alla Corte Costituzionale di pronunciarsi in merito stabilendo se quella norma di legge sia o meno conforme alla Costituzione.

La Corte Costituzionale è composta da quindici membri

Che tipo di sentenze emette la Corte Costituzionale?

Che tipo di sentenze  emette la Corte Costituzionale quando giudica se una legge è conforme o meno alla Costituzione?

Le sentenze pronunciate dalla Corte sono:

  • di accoglimento, se la Corte riconosce che la norma è incostituzionale;
  • oppure di rigetto, se la Corte ritiene che la norma non sia contraria alla Costituzione.

Le sentenze di accoglimento sono pubblicate sulla Gazzetta ufficiale, hanno valore nei confronti di tutti i cittadini e hanno come effetto che la norma dichiarata incostituzionale cessa di avere efficacia dal giorno successivo a quello della pubblicazione [4].

Le sentenze di rigetto, infine, non escludono che possano successivamente essere avviati nuovi procedimenti per far dichiarare l’incostituzionalità della stessa norma.

La Corte Costituzionale elegge il proprio Presidente fra i suoi membri


note

[1] Art. 135 cost.

[2] Art. 134 cost.

[3] Art. 90 cost.

[4] Art. 136 cost.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube