Diritto e Fisco | Articoli

Quanto tempo tra Appello e Cassazione?

31 Maggio 2021 | Autore: Vincenzo Delli Priscoli
Quanto tempo tra Appello e Cassazione?

Quali sono i termini per presentare ricorso per Cassazione contro una sentenza sfavorevole della Corte d’Appello?

All’indomani della pubblicazione della sentenza di secondo grado, la parte che è risultata soccombente ha due strade davanti a sé: accettare la pronuncia del giudice e dare esecuzione alla sentenza, oppure impugnare la sentenza dinanzi alla Corte di Cassazione, per il terzo grado di giudizio. Ma quanto tempo intercorre tra Appello e Cassazione? In questo articolo vedremo come i termini per presentare ricorso per Cassazione cambiano a seconda che la sentenza impugnata venga o meno notificata alla controparte.

Quali sono i limiti del ricorso per Cassazione?

La parte in causa che ha interesse a presentare ricorso per Cassazione, perché evidentemente è risultata soccombente nel giudizio di secondo grado, potrà esporre nel proprio ricorso solo questioni che sono state già trattate nei precedenti gradi di giudizio dinanzi al tribunale e alla Corte d’Appello, senza quindi proporre nuovi temi di contestazione.

La Corte di Cassazione deve, infatti, valutare se i giudici dei precedenti gradi di giudizio (il tribunale e la Corte d’Appello) abbiano correttamente applicato, al caso concreto, le norme di diritto e quelle contenute nei contratti e negli accordi collettivi nazionali di lavoro.

Inoltre, i giudici della Corte di Cassazione devono verificare se i giudici dei precedenti gradi di giudizio abbiano adeguatamente esaminato tutti i fatti prospettati dalle parti in causa, nonché che non ci siano vizi del procedimento, cioè che, ad esempio, il tribunale e la Corte d’Appello fossero effettivamente i giudici territorialmente competenti a trattare la causa.

Chi può contestare la sentenza della Corte d’Appello?

Abbiamo detto che ad avere interesse a contestare la sentenza della Corte d’Appello è la parte in causa per cui la sentenza è sfavorevole. Ci sono tuttavia dei casi in cui la sentenza della Corte d’Appello è parzialmente sfavorevole (e di conseguenza parzialmente favorevole) per entrambe le parti in causa, perché accoglie alcune (ma non tutte) delle richieste di entrambe. Ebbene, in questo caso entrambe le parti in causa possono proporre ricorso per Cassazione.

Alfa fa causa a Beta chiedendo un risarcimento per danni materiali per un importo pari a 10.000,00 euro e un risarcimento per danni biologici pari a € 5.000,00. Prima il tribunale di primo grado e poi anche la Corte d’Appello decidono che Alfa ha diritto solo al risarcimento per danni materiali pari a 10.000,00 euro. In tal caso, è evidente che entrambe le parti in causa hanno ottenuto una sentenza solo parzialmente favorevole.

Nell’esempio riportato, entrambe le parti possono presentare ricorso per Cassazione: Alfa per chiedere che gli venga riconosciuto anche un risarcimento per danni biologici, mentre Beta per chiedere che la sentenza della Corte d’Appello venga del tutto annullata.

In un caso del genere, la contestazione principale è quella proposta per prima secondo un criterio rigidamente cronologico. La contestazione incidentale è quella proposta nello stesso processo dopo quella principale, anche in questo caso applicando un criterio meramente cronologico.

Entro quanto tempo fare ricorso per Cassazione se c’è notifica della sentenza?

Per capire quanto tempo intercorre tra l’Appello e la Cassazione, occorre innanzitutto dire che per contestare una sentenza, che sia di primo grado o di secondo grado, i termini sono perentori in quanto stabiliti dalla legge.

Una volta emessa la sentenza di secondo grado, la parte che è risultata vittoriosa, quindi che ha ottenuto una pronuncia favorevole, può decidere di notificare la suddetta sentenza alla parte soccombente presso il domicilio che quest’ultima ha eletto, presumibilmente presso lo studio legale dell’avvocato che l’ha difesa e rappresentata nel secondo grado di giudizio. Così facendo, la parte soccombente ha solo sessanta giorni da quando ha ricevuto la notifica della sentenza per presentare ricorso per Cassazione.

Il termine di sessanta giorni è il cosiddetto termine breve. Occorre ricordare che in tale termine non si computando i giorni ricompresi tra il 1° e il 31 agosto in virtù della sospensione dei termini nel periodo feriale.

Facciamo un esempio.

Nella causa tra Alfa contro Beta, la Corte d’Appello dà ragione ad Alfa e deposita la sentenza il 3 febbraio 2021. Alfa, col suo avvocato, decide di notificare una copia di tale sentenza alla sua controparte, Beta, presso il domicilio eletto da quest’ultima. Beta riceve la notifica di tale sentenza il 10 febbraio 2021. Ebbene, a partire da questa data, Beta avrà tempo fino all’11 aprile 2021 (60 giorni) per impugnare la sentenza presentando ricorso per Cassazione.

Entro quanto tempo fare ricorso per Cassazione se non c’è notifica della sentenza?

Tra Appello e Cassazione intercorre un termine più lungo nel caso di mancata notifica della sentenza di una parte all’altra; tale termine è di sei mesi dalla pubblicazione della sentenza, ossia da quando i giudici trasmettono la sentenza alla cancelleria della Corte d’Appello che poi la trasmetterà alle parti in causa.

Tornando all’esempio fatto in precedenza, se nella causa tra Alfa contro Beta, la Corte d’Appello dà ragione ad Alfa e deposita la sentenza il 3 febbraio 2021, Alfa può decidere di non notificare alla controparte la suddetta sentenza.

In questo caso, la parte soccombente Beta avrà tempo 6 mesi, dunque fino al 3 agosto 2021 per presentare ricorso per Cassazione. In realtà, secondo questo esempio, il termine anziché scadere il 3 agosto 2021 si allunga fino al 3 settembre 2021, in virtù della sospensione dei termini nel periodo feriale, che prevede l’esclusione dei giorni ricompresi tra il 1° e il 31 agosto dal calcolo delle scadenze processuali.

Inoltre, occorre aggiungere che il termine di sei mesi è esteso sino ad un anno per i giudizi avviati prima del 4 luglio 2009, ossia prima dell’entrata in vigore della riforma del processo civile.



Di Vincenzo Delli Priscoli


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube