Lotteria degli scontrini: il mancato obbligo degli esercenti

8 Febbraio 2021 | Autore:
Lotteria degli scontrini: il mancato obbligo degli esercenti

Il consumatore ha diritto a partecipare al gioco, ma il commerciante non è tenuto ad aderire. Anche se rischia la segnalazione al Fisco.

La logica porterebbe a dire che se un consumatore vuole esercitare un suo diritto, il negoziante deve rispettare un dovere ben preciso. Tuttavia, non sempre le leggi seguono questo principio e, anche se qualche volta possono essere in contraddizione, tutela sia i diritti del consumatore sia quelli dell’esercente.

È, più o meno, quello che sta succedendo con la lotteria degli scontrini, alla quale il consumatore ha diritto di partecipare, mentre il commerciante può rifiutarsi di aderire. La scelta di quest’ultimo condiziona quella del primo e non viceversa. Ma è così che stanno le cose: l’esercente non è costretto a partecipare alla lotteria.

Succede, ad esempio, che un consumatore vada in un negozio, faccia i suoi acquisti e, al momento di pagare alla cassa con la carta di credito e di mostrare il codice della lotteria, si senta rispondere che il codice non serve: c’è chi non ha ancora ricevuto il software per consentire la trasmissione dei dati e l’emissione dei biglietti virtuali (nonostante la partenza della lotteria fosse prevista da mesi) e c’è chi lo dice candidamente: «Ho deciso di non partecipare, ci sono dei costi da sostenere e io non ci guadagno niente». Risultato: il consumatore che, avendo fatto degli acquisti, vuole tentare la fortuna come previsto dalla legge, si vede negare questa possibilità dal diritto dell’esercente a non prendere parte al gioco, altrettanto tutelato dalla stessa normativa.

In sostanza: non esiste per il commerciante alcun obbligo di aderire alla lotteria degli scontrini e, di conseguenza, non esiste alcuna sanzione prevista nel caso il cui decida di non partecipare. In realtà, fino a pochi mesi fa, era previsto il contrario, cioè una sanzione da 100 a 500 euro per chi respingeva la richiesta del consumatore di partecipare al gioco. Poi, la legge di conversione del decreto fiscale collegato alla manovra ha eliminato questa ipotesi. Ed ha creato la figura della «mina vagante».

Sì, perché il consumatore ha la possibilità di segnalare al Fisco il negoziante che non aderisce al gioco tramite una sezione del portale della lotteria che verrà attivata a marzo. In sostanza, se l’esercente inceppa in un cittadino particolarmente zelante o permaloso, rischia di finire in una lista di «dissidenti della lotteria» più soggetti ai controlli dell’Agenzia delle Entrate.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube