Diritto e Fisco | Articoli

Quando il difensore è insostituibile?

3 Giugno 2021 | Autore:
Quando il difensore è insostituibile?

Avvocato di fiducia: è sempre obbligatorio? Cos’è e come funziona il legittimo impedimento? Come dimostrare che l’avvocato non può delegare?

Il diritto di essere assistiti da un avvocato a prescindere dal proprio reddito è sancito direttamente in Costituzione. Ciò significa che tutti, nel momento in cui devono intraprendere una causa, hanno il diritto di essere accompagnati, lungo il tragitto, da un professionista specializzato nel settore. Solo in pochissimi casi si può fare da sé (in genere, nelle controversie di scarsissimo valore); in tutte le altre ipotesi, occorre sempre l’assistenza di un avvocato, soprattutto in ambito penale, ove per legge l’imputato non può sottrarsi dal ricevere una difesa tecnica. In genere, l’avvocato può farsi sostituire durante le udienze, ad esempio perché malato oppure perché impegnato contestualmente altrove.

Quando il difensore è insostituibile? Il tema della sostituibilità dell’avvocato si pone con riferimento alla richiesta di rinvio della causa che quest’ultimo formalmente avanza al giudice. Come appena detto, può accadere che un difensore non possa presenziare all’udienza perché impossibilitato; in casi del genere, le ipotesi sono due: o l’avvocato si fa sostituire da un collega per delega oppure deposita in cancelleria un’istanza con cui chiede al giudice il rinvio della causa. Secondo la Corte di Cassazione, non basta a giustificare la richiesta di rinvio la prova del legittimo impedimento, poiché l’avvocato deve dimostrare che non può delegare l’attività a un collega. Approfondiamo questo aspetto.

Difensore di fiducia: è obbligatorio?

Il tema dell’insostituibilità dell’avvocato obbliga a parlare brevemente dell’obbligo di farsi assistere da un difensore quando si intraprende una causa.

Come detto in apertura e ampiamente spiegato nell’articolo “In tribunale ci si può difendere da soli?“, sono rarissime le ipotesi in cui si può bussare alle porte della giustizia senza l’assistenza di un avvocato.

Se è vero che tutti hanno diritto all’assistenza di un legale, anche coloro che non possono permetterselo (soccorre in questo caso il gratuito patrocinio), è altrettanto vero che quello ad essere difesi da un avvocato è al tempo stesso anche un obbligo: per legge, salvo rare eccezioni, non si può presenziare da soli, senza avvocato, davanti al giudice.

Di conseguenza, un avvocato di fiducia è obbligatorio se ci si vuole difendere innanzi al magistrato. L’obbligo, poi, è assolutamente inderogabile in campo penale: in questo caso, non è assolutamente ammissibile che l’indagato/imputato si difenda da solo, tant’è vero che, se il soggetto non nomina un difensore di fiducia, la Procura gliene assegna uno d’ufficio.

Il difensore è dunque obbligatorio:

  • nel processo civile, salvo cause di scarso valore, a meno che non ci si voglia costituire e, di conseguenza, essere giudicati in contumacia;
  • nel processo penale, sempre. In assenza di un difensore di fiducia, ne viene assegnato uno d’ufficio.

Avvocato: può farsi sostituire?

Detto dell’obbligatorietà dell’assistenza legale, vediamo ora se un avvocato può farsi sostituire in udienza.

Normalmente, il difensore di fiducia può delegare un altro avvocato nel caso in cui sia impossibilitato ad adempiere di persona il proprio compito. È piuttosto comune assistere, nelle aule dei tribunali, a sostituzioni, cioè ad avvocati che presenziano innanzi al giudice per delega dei colleghi che sono formalmente titolari dell’incarico.

Peraltro, la delega che consente la sostituzione non deve necessariamente rivestire la forma scritta; ciò significa che un avvocato può sostituirsi a un altro per semplice delega orale.

In sintesi: l’avvocato può sempre farsi sostituire. Il divieto di sostituzione può provenire solamente da un esplicito accordo tra il cliente e il difensore con cui quest’ultimo si vincola a effettuare personalmente tutti gli adempimenti legati al proprio mandato.

Rinvio per legittimo impedimento: cos’è?

Quando l’avvocato non può presenziare e nessuno può sostituirlo, può chiedere al giudice il rinvio dell’udienza per legittimo impedimento. Ciò accade in genere quando l’avvocato si trovi contestualmente impegnato altrove oppure sia malato. In ipotesi del genere, se l’impedimento è documentato (ad esempio, con un certificato medico), il giudice accoglie la richiesta e dispone il rinvio dell’udienza.

Una recente sentenza della Corte di Cassazione sembra tuttavia aver modificato questo orientamento, ritenendo legittimo il rinvio solamente nel caso di insostituibilità dell’avvocato che non può partecipare all’udienza. Approfondiamo questo aspetto.

Difensore: quando è insostituibile?

Secondo la Corte di Cassazione [1], l’avvocato che chiede il rinvio dell’udienza deve dimostrare non solo il proprio legittimo impedimento ma anche l’impossibilità di delegare un collega per svolgere la relativa attività difensiva.

Per la Suprema Corte, dunque, il difensore è insostituibile quando v’è prova dell’impossibilità di reperire colleghi che possano essere delegati per l’udienza.

Difensore insostituibile: come si fa a provare?

Come si fa a provare che il difensore è insostituibile? È una bella domanda. Poiché la Cassazione non ha fornito spiegazioni al riguardo, possiamo avanzare alcune ipotesi.

Il difensore è insostituibile quando:

  • la causa sia trattata in un foro diverso da quello di appartenenza dell’avvocato, dovendosi pertanto presumere che sia più difficile trovare e/o conoscere colleghi da delegare;
  • nelle precedenti udienze, l’avvocato ha sempre presenziato di persona, senza mai delegare; la presenza di altri colleghi è infatti sintomo della possibilità di farsi sostituire all’udienza;
  • si fornisce prova dei tentativi, andati vani, di contattare altri colleghi per la sostituzione. È possibile ad esempio stampare e produrre le pec e le email inviate ai colleghi con la richiesta di sostituzione.

Il difensore è insostituibile quando non può delegare nessun collega.

note

[1] Cass., sent. n. 1793/2021.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube