Cronaca | News

Riapertura palestre e piscine: cosa si può fare

8 Febbraio 2021
Riapertura palestre e piscine: cosa si può fare

Lo sport si prepara alla ripartenza. Il ministero ha approvato un protocollo fresco di ok del Comitato tecnico scientifico (Cts).

La decisione sul da farsi, se consentire o meno il ritorno allo sport, sarà ufficializzata solo con il prossimo decreto del presidente del Consiglio dei ministri (dpcm). Intanto, però, ci si attrezza per una ripartenza sicura.

Con questo spirito, il ministero dello Sport ha stilato una serie di regole per palestre, piscine e tutti gli sportivi che le frequentano, così da provare ad organizzare nel modo più sicuro possibile il ritorno all’attività fisica. Sarà modulare, cioè prevedrà una serie di restrizioni e libertà per gradi, a seconda che ci si trovi in zona gialla, arancione o rossa.

Il documento, intanto, è stato sottoposto al Comitato tecnico scientifico (Cts) che lo ha validato, perché «si ritiene particolarmente importante il ritorno alla fruizione delle attività fisiche, soprattutto nei soggetti in età evolutiva e negli individui con patologie croniche e negli anziani».

Cosa si può fare in zona rossa

Qui, quasi sicuramente, palestre e piscine resteranno chiuse. Continuerà ad essere possibile praticare sport a livello individuale e all’aperto, nelle vicinanze della propria abitazione.

Jogging, corsa e passeggiate non sono mai state vietate durante il lockdown e continueranno a non esserlo, ma l’attività sportiva in spazi chiusi nelle zone rosse, almeno per ora, non è prevista.

Cosa si può fare in zona arancione

Nelle aree che hanno una fascia media di rischio, qualche concessione in più è possibile. Dunque, resta consentito il minimo sindacale, cioè l’attività fisica all’aperto, ma anche «nelle palestre, piscine e tensostrutture, le attività sportive di base individuali, anche acquatiche, e le attività sportive dilettantistiche non di squadra o di contatto».

Lo sport di contatto, però, non è bandito nelle zone arancioni: ci si può allenare, purché individualmente. Gli adulti potranno svolgere dunque solo lezioni singole.

Ok alla danza e agli sport per i bambini, coerentemente con la ripresa delle lezioni scolastiche in presenza e tenendo conto del fatto che i contagi non dilagano tra i piccoli in età scolare.

Cosa si può fare in zona gialla

Laddove le restrizioni sono minori, perché minore è il livello di rischio, c’è più possibilità di scelta. In zona gialla, è consentito tutto ciò che si può fare nelle zone arancioni e rosse.

In più, si possono praticare anche gli sport da contatto e lo sport dilettantistico di base. Qui, palestre e piscine possono riaprire, analogamente alla zona arancione. Sempre con degli accorgimenti anti-contagio, si intende.

Le regole per palestre e piscine

La distanza da tenere, mentre si fa sport, è di almeno due metri. In piscina, ogni persona dovrà avere a disposizione uno spazio di dieci metri quadrati (la proposta iniziale era sette, ma il Cts ha ritenuto più prudente aumentarla).

Niente più doccia in palestra. Ognuno dovrà lasciare i propri vestiti in borsa, per poi lavarli a parte una volta tornati a casa. Anche i fazzoletti di carta usati vanno buttati subito, non possono essere lasciati negli spazi comuni. Ogni attrezzo usato per l’attività sportiva (esempio: tappetini da aerobica) va subito sanificato dopo l’uso. Mai condividere con altri le proprie borracce o bottiglie d’acqua.

«L’obbligo è di indossare correttamente la mascherina (non solo di esserne dotati) per gli operatori», si legge sul documento. Specificamente per la pallanuoto, anche gli atleti devono indossare la mascherina in tutti i momenti in cui non sono in acqua, quindi prima e dopo la gara o durante le interlocuzioni con gli ufficiali di gara.

Gli ambienti devono essere dotati di dispenser con gel igienizzante, a disposizione degli atleti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube