Diritto e Fisco | Articoli

Certificato medico sportivo: regole ed età

4 Giugno 2021 | Autore:
Certificato medico sportivo: regole ed età

Prima di praticare un’attività sportiva, bisogna ottenere il rilascio di un’apposita certificazione relativa allo stato di salute.

Per svolgere una qualsivoglia attività sportiva, ad esempio per iscriversi in palestra oppure in piscina, sia i bambini/ragazzi sia gli adulti, sono obbligati a presentare un’apposita certificazione medica. Più precisamente, il legislatore italiano ha previsto che, in base al livello al quale un soggetto pratica un determinato sport, lo stesso debba essere munito di un certificato medico sportivo. Le regole e l’età per il rilascio della predetta certificazione sono disciplinate da più decreti ministeriali emessi in relazione all’attività sportiva agonistica [1] e a quella non agonistica [2]. Fanno eccezione i bambini da 0 a 6 anni per i quali il certificato medico per corsi e attività sportive non è obbligatorio, salvo per i casi segnalati dal pediatra. Così è stato stabilito da un decreto del ministero della Salute emanato a marzo 2018 di concerto con il ministero dello Sport inerente allo sport praticato in età prescolare.

Tale decreto ha avuto come obiettivo quello di facilitare l’avvicinamento dei più piccoli alle attività motorie, favorire un corretto modello di comportamento e contrastare la tendenza alla sedentarietà. Tuttavia, ci sono strutture che richiedono il certificato medico sportivo per i bambini da 0 a 6 anni per motivi “assicurativi”, in quanto la polizza di assicurazione prevede una certificazione. Peraltro, tale richiesta non è in contrasto con la non obbligatorietà prevista dal decreto del 2018, quindi, su richiesta della famiglia, il pediatra non può deontologicamente rifiutare di rilasciare il certificato.

Certificato medico sportivo agonistico: per cosa serve?

Il certificato medico sportivo agonistico è obbligatorio per lo svolgimento di attività sportive agonistiche. Per attività agonistiche devono intendersi quelle attività sportive praticate sistematicamente ed esclusivamente in forme organizzate dalle federazioni sportive nazionali, dagli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni (Comitato olimpico nazionale italiano) e dal Miur (ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) per quanto riguarda i giochi della gioventù a livello nazionale.

Come viene rilasciato il certificato medico sportivo agonistico

Il certificato medico sportivo agonistico viene rilasciato a seguito di una visita medica preventiva d’idoneità agonistica da parte di un medico specializzato in medicina dello sport. Per effettuare tale visita bisogna rivolgersi all’Asl territorialmente competente oppure a un medico dello sport privato, purché iscritto nell’elenco regionale e che abbia la specializzazione.

Il medico deve visitare personalmente lo sportivo, facendo tutti gli accertamenti clinici e di diagnostica strumentale necessari. In particolare, deve eseguire l’IRI test, un indice che permette un giudizio sulle capacità di recupero dopo lo sforzo dell’atleta sottoposto a test, e un elettrocardiogramma.

La visita può essere integrata da accertamenti, di laboratorio o strumentali, se il medico sportivo li ritenga necessari.

La visita di controllo ha cadenza annuale, ad eccezione di alcuni sport per i quali va fatta ogni due anni (vedi il tiro con l’arco oppure il golf).

Coloro che praticano sport professionistico, altresì, devono sottoporsi anche ad altri accertamenti e sono costantemente seguiti dal medico sociale, che è responsabile del loro stato di salute.

Quanto costa il certificato medico sportivo agonistico

Il costo del certificato medico sportivo agonistico varia in base al professionista che effettua la visita e può andare da un minimo di 30 euro a un massimo di 60 euro.

La visita medica preventiva di idoneità agonistica e la relativa certificazione sono gratuite per:

  • per gli atleti dall’età minima agonistica per lo sport praticato fino al compimento del 18° anno di età appartenenti a società sportive affiliate ad una federazione del Coni;
  • per gli sportivi disabili di qualsiasi età le cui attività sportive agonistiche sono distinte ad impegno lieve-moderato e ad impegno elevato.

A quale età va rilasciato il certificato medico sportivo agonistico

L’età minima richiesta per il rilascio del certificato medico sportivo agonistico dipende da quella stabilita dalle federazioni sportive nazionali del Coni o dagli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni per l’inizio delle visite di idoneità sportiva agonistica. Infatti, l’età di ingresso nell’attività agonistica varia da sport a sport [3].

Nello specifico, bisogna avere compiuto ad esempio:

  • 8 anni per il nuoto, la ginnastica, le bocce, il karting, il pattinaggio su ghiaccio, la pallamano;
  • 9 anni per il nuoto sincronizzato, i tuffi, la pallanuoto, il tiro con l’arco;
  • 10 anni per la pallavolo e il taekwondo;
  • 11 anni per lo squash e la pallacanestro;
  • 12 anni per l’atletica leggera, il calcio, il rugby, le arti marziali, il judo, il polo, lo sci alpino e lo sci di fondo;
  • 14 anni per il tiro a piattello;
  • 15 anni per il bob e lo sci alpinismo;
  • 16 anni per il paracadutismo sportivo.

Certificato medico sportivo non agonistico: quando è obbligatorio?

Il certificato medico sportivo non agonistico è obbligatorio per le persone di età superiore a 6 anni quando si tratta di:

  • alunni che svolgono attività fisico-sportive parascolastiche, organizzate dagli organi scolastici al di fuori dell’orario di lezione;
  • soggetti che svolgono attività organizzate dal Coni, da società sportive affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline associate, agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni, che non siano considerati atleti agonisti;
  • coloro che partecipano ai giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale.

Chi rilascia il certificato medico sportivo non agonistico

Il certificato medico sportivo non agonistico può essere rilasciato da:

  • medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta, relativamente ai propri assistiti;
  • medico specialista in medicina dello sport;
  • medici della federazione medico sportiva del Coni.

Il controllo è annuale e il certificato ha validità di 1 anno con decorrenza dalla data di rilascio.

Come si ottiene il certificato medico sportivo non agonistico

Per il rilascio del certificato medico sportivo non agonistico l’interessato deve sottoporsi a visita presso uno dei medici sopra indicati, il quale deve eseguire l’anamnesi e l’esame obiettivo, completo di  misurazione della pressione arteriosa, un elettrocardiogramma a riposo, debitamente refertato, effettuato almeno una volta nella vita.

Per coloro che hanno superato i 60 anni e sono a maggior rischio cardiovascolare, è necessario eseguire un elettrocardiogramma basale annuale. Anche i soggetti che, a prescindere dall’età, presentano delle malattie croniche le quali comportano un aumento del rischio cardiovascolare, devono eseguire un elettrocardiogramma basale annuale. Il medico può prescrivere ulteriori esami, ritenuti necessari, o un consulto di uno specialista.

Il costo del certificato medico sportivo non agonistico è di 40 euro, se rilasciato dai medici sportivi mentre sono gratuiti se rilasciati dai medici di famiglia o dai pediatri di libera scelta convenzionati con il Ssn (Sistema Sanitario Nazionale), però, solo nel caso di attività sportive parascolastiche, su richiesta del dirigente scolastico. Invece, l’elettrocardiogramma è a pagamento e il costo si aggira intorno ai 30 euro se viene fatto senza visita cardiologica.


note

[1] D.M. 18.02.1982.

[2] L. n. 189 dell’8.11.2012 di conversione del D.L. n. 158/2012 (c.d. decreto “Balduzzi”); Decreto Ministero della Salute del 24.04.2013 e successive modifiche intervenute con la Legge n. 98 del 9.08.2013 art. 42-bis di conversione del D.L. n. 69 del 21.06.2013 (c.d. “Decreto del Fare”); Decreto del Ministero della Salute dell’08.08.2014 sulle linee guida di indirizzo in materia di certificati medici per l’attività sportiva non agonistica e Circolare Prot. n. 6897 del 10/06/2016 emanata dal CONI.

[3] Tabelle elaborate dal Coni nel 2018 con cui si determina l’età minima di accesso all’attività sportiva agonistica.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube