Diritto e Fisco | Articoli

Se la strada si allaga e l’acqua rovina l’automobile: Comune responsabile

4 Febbraio 2014
Se la strada si allaga e l’acqua rovina l’automobile: Comune responsabile

Il Comune è responsabile per l’auto invasa dall’acqua e deve risarcire i conseguenti danni imputabili alle carenze strutturali dell’asse viario: si configura infatti la responsabilità da custodia in capo all’amministrazione, che non riesce a fornire la prova del caso fortuito.

È il Comune che deve risarcire l’automobilista la cui vettura sia stata raggiunta dall’acqua accumulatasi sulla pubblica strada per causa di una carenza strutturale dell’asse viario. A dirlo è il Giudice di pace di Lecce [1].

Se il Comune non dimostra di aver effettuato una corretta manutenzione dell’infrastruttura stradale e che l’allagamento è stato dovuto a caso fortuito (come, per esempio, potrebbe essere un’alluvione generata da un’imprevedibile ed eccezionale ondata di mal tempo), allora deve risarcire tutti i proprietari di automobili rovinate dall’acqua. E ciò vale anche se il problema dipende da una rete fognaria intasatasi d’improvviso.

L’ente locale è infatti custode delle infrastrutture quali possono essere, per esempio, strade e fogne: per cui, l’omessa vigilanza su tali beni comporta una responsabilità che, in caso di danni a terzi, conduce inesorabilmente alla condanna per risarcimento del danno.

Il consiglio, per chi si trovi in situazioni simili, è quello di chiedere al giudice, una volta avviata la causa, di disporre una consulenza tecnica con un perito nominato d’ufficio, al fine di verificare se il danno si è verificato per carenze strutturali dell’asse viario.


note

[1] G.d.P. Lecce sent. n. 95/2014.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube