Cronaca | News

Divieto di spostamento tra Regioni: verso la proroga

10 Febbraio 2021 | Autore:
Divieto di spostamento tra Regioni: verso la proroga

Si vorrebbe evitare che nel passaggio da un Governo all’altro ci fosse un vuoto che lasci piena libertà di movimento. Ecco cosa può succedere.

Sarà, molto probabilmente, l’ultimo colpo di coda del Governo Conte: il divieto di spostamento tra le Regioni, previsto fino a lunedì 15 febbraio, verrà quasi sicuramente prorogato fino al 5 marzo, data in cui scade l’attuale Dpcm anti-Covid. Solo allora entreranno in vigore le nuove misure (tra cui la riapertura di alcune attività) adottate, a questo punto, dal Governo Draghi sulla base delle indicazioni del Comitato tecnico scientifico.

Che si tratti dell’ultimo decreto dell’Esecutivo uscente o del primo di quello entrante poco importa: la decisione sembra, ormai, presa per evitare che un eventuale vuoto di giurisdizione dettato dal passaggio da un Governo all’altro possa far decadere ogni divieto e compromettere la situazione sanitaria nel Paese, specialmente in un momento in cui la circolazione delle varianti del virus è da tenere sotto controllo.

Tuttavia, manca la firma. Che cosa potrebbe succedere in questo periodo di passaggio di consegne? La prima possibilità è che nessuno prenda una decisione e che, quindi, il divieto di spostamento scada lunedì. In questo caso, ci si potrebbe muovere tranquillamente all’interno della Penisola, anche verso regioni arancioni.

Altra ipotesi è che Draghi prenda l’iniziativa dopo il giuramento e prima di incassare la fiducia, sempre che ciò avvenga (come previsto) entro il fine settimana, cioè prima del 15 febbraio. Il nuovo premier potrebbe firmare un decreto urgente per la sicurezza e la salute del Paese. Nel caso in cui si arrivi alla vigilia del 15 senza che l’Esecutivo abbia giurato al Quirinale, il cerino resterebbe in mano al Governo Conte, ancora in carica per gli affari correnti, per approvare il provvedimento di urgenza.

C’è, infine, lo scenario più quotato, cioè quello della proroga dell’attuale decreto fino al 5 marzo per agganciarlo alla scadenza del Dpcm. Che potrebbe contenere una variante: anziché il divieto di entrata e di uscita da tutte le Regioni (tranne per motivi di lavoro, di salute o di comprovata necessità), la libertà di muoversi solo tra Regioni gialle. Cioè, lo scenario già vissuto prima di Natale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube