Diritto e Fisco | Articoli

Bomboletta spray irritante e lacrimogena: porto illegale di armi?

5 Febbraio 2014


Bomboletta spray irritante e lacrimogena: porto illegale di armi?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 Febbraio 2014



Se la bomboletta non risponde alle regole ministeriali, il suo possesso integra il reato di porto abusivo di armi: indifferente la quantità di principio attivo contenuta nel flaconcino.

Si sente spesso parlare di bombolette spray al peperoncino irritanti e lacrimogene, per uso di autotutela, ma non sempre se ne conosce l’effettiva pericolosità. “Pericolosità” non solo per chi ne subisce l’utilizzo (il dolore è tanto lancinante da provocare una semiparalisi nella vittima, impossibilitata a compiere qualsiasi altra azione), ma anche per chi le detiene. Infatti, se lo strumento offensivo in questione non corrisponde alle caratteristiche fissate da un apposito decreto ministeriale [1], esso viene equiparato dalla legge a un’arma vera e propria. Così la detenzione di uno spray “non omologato” integra il (grave) reato di porto abusivo di armi. È quanto affermato stamattina dalla Cassazione [2] che ha condannato a otto mesi di reclusione a un giovane in possesso di tre bombolette lacrimogene in un luogo pubblico.

Le bombolette spray, a disposizione di un privato cittadino, contengono, difatti, una soluzione irritante-lacrimogena che, entro determinati standard, viene consentita dalla legge; sicché si possono liberamente acquistare in farmacia, nelle armerie o, persino, in alcuni centri commerciali (per un vademecum sull’argomento leggi l’articolo “Bombolette spray al peperoncino: vademecum”).

Quando però tali requisiti non vengono osservati, lo spray è sempre vietato: e ciò a prescindere dal quantitativo del principio attivo contenuto nella bomboletta. Esso resta sempre un’arma in dotazione alle forze di polizia, comprese quelle italiane, per il controllo dell’ordine pubblico.

La Corte, infatti, ritiene irrilevante accertare l’esatta concentrazione del principio attivo del liquido contenuto nelle bombolette quando esse sono state fabbricate e poste in commercio con una dichiarata destinazione offensiva.

In conclusione, si può parlare di “porto illegale di armi” di fronte alla scelta, di un cittadino, di avere con sé, in “luogo pubblico”, una bomboletta spray contenente gas urticante, idonea ad arrecare offesa alla persona e, per questo, collocabile nella definizione di arma comune da sparo.

note

[1] DM n. 103 del 12.05.2011.

[2] Cass. sent. n. 5719/14 del 5.02.2014.

Autore immagine: 123rf.com

Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza 19 dicembre 2013 – 5 febbraio 2014, n. 5719
Presidente Chieffi – Relatore Rombolà

Ritenuto in fatto

Con sentenza 29/1/13 la Corte di Appello di Bologna confermava la sentenza 13/10/08 del giudice monocratico del Tribunale di Forlì che, con le attenuanti generiche (e ritenuta l’ipotesi lieve di cui all’art. 5 della legge n. 895/67), condannava D.U. (cui era contestata la recidiva reiterata) alla pena di mesi 8 di reclusione per il reato (in Forlì, il 21/7/06) di porto e detenzione illegale di n. 3 bombolette spray marca “American Style Nato Super Paralisant” (della capacità di 40 ml ciascuna) contenenti una soluzione irritante-lacrimogena, in genere in dotazione alle forze di polizia (comprese le italiane) per il controllo dell’ordine pubblico, a base di orto-clorobenziliden-malonitrile, altrimenti detta “CS”.
Ricorreva per cassazione la difesa, deducendo: 1) vizio di motivazione in ordine alla offensività in concreto (vista anche la consulenza tecnica di parte) della condotta contestata (ritenuta in base alla sola analisi qualitativa ed omessa invece ogni analisi quantitativa sull’esatto valore di concentrazione del principio attivo di “CS” contenuto nelle bombolette, affidandosi al solo dato “max 80 mg” di cui all’etichetta); 2) vizio di motivazione in ordine alla qualificazione giuridica del reato (da definirsi ex art. 4 della L n. 110 del 1975, la destinazione naturale del prodotto essendo la difesa personale e ridottissima la potenzialità offensiva). Chiedeva l’annullamento della sentenza impugnata.
Alla pubblica udienza fissata per la discussione il PG chiedeva dichiararsi l’inammissibilità del ricorso, la difesa il suo accoglimento.

Considerato in diritto

Il ricorso è infondato in entrambi i suoi motivi e va respinto. Quanto al primo, si può ben prescindere da una analisi quantitativa del prodotto che accerti l’esatta concentrazione del principio attivo del liquido contenuto nelle più bombolette (peraltro dichiarato in max 80 mg), una volta che le stesse siano fabbricate e poste in commercio con una dichiarata destinazione offensiva (apodittico, in assenza di una neppure ipotizzata operazione truffaldina, evocare delle concentrazioni minime, se non inesistenti). Quanto al secondo, la giurisprudenza anche recente di questa Corte (Cass., I, sent. n. 11753 del 28/2/12, rv. 252261) ha affermato in modo netto che “integra il reato previsto dall’art. 4 L. 2 ottobre 1967, n. 895 e succ. mod., il porto in luogo pubblico di una bomboletta spray contenente gas urticante idoneo a provocare irritazione degli occhi, sia pure reversibile in un breve tempo, in quanto idonea ad arrecare offesa alla persona e come tale rientrante nella definizione di arma comune da sparo da cui all’art. 2 L. n. 110 del 1975”. Già in tal senso anche Cass., I, sent. n. 6106 del 13/1/09, rv. 243349: “La bomboletta spray contenente sostanza urticante è compresa tra gli aggressivi chimici il cui porto illegale costituisce reato ai sensi della legge 2 ottobre 1967 n. 895”. Diversa fattispecie, riguardante uno spray anch’esso urticante ma a base di peperoncino e non di aggressivi chimici, quella di cui a Cass., I, sent. n. 3116 del 24/10/11, dep. 25/1/12, rv. 251825.
Al rigetto del ricorso segue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

P.Q.M.

rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI