Cronaca | News

Covid: cosa si può fare a San Valentino

11 Febbraio 2021
Covid: cosa si può fare a San Valentino

Le restrizioni causa emergenza lasciano comunque un margine di libertà agli innamorati: dal pranzo, alla passeggiata, alla cena da asporto o a domicilio.

Senza dubbio, non sarà un San Valentino tradizionale. Il Coronavirus ha finito per rivoluzionare perfino la festa degli innamorati. L’anno scorso, il 14 febbraio si era salvato: il lockdown che ha visto l’Italia per la prima volta alle prese con le restrizioni anti-contagio è iniziato solo i primi di marzo.

Quest’anno, invece, ci siamo dentro in pieno. Non in lockdown, ma comunque con forti limiti alla socialità. Che fare, dunque, per celebrare al meglio ma nel rispetto delle regole la festa dell’amore? Diverse opzioni sono possibili, seppure in emergenza sanitaria.

Spostamenti

La gita fuori porta è limitata, ma possibile. Fino al 15 febbraio, niente spostamenti fuori regione (salvo i classici motivi per cui sono ancora ammessi, con autocertificazione: lavoro, salute, necessità e ritorno alla propria residenza, abitazione o domicilio), ma il blocco della mobilità sarà al 99,9% prorogato, dato che c’è l’accordo tra Governo e Regioni (per approfondire leggi qui: Spostamenti tra regioni: si va avanti con il blocco).

Il 14 febbraio sarà domenica, dunque è plausibile che molte coppie non lavorino e abbiano l’intera giornata da poter trascorrere insieme. Gli innamorati in zona gialla potranno spostarsi ovunque vorranno, restando nel perimetro della propria regione. Questo vuol dire poter andare a visitare una città d’arte o fare una passeggiata in un Comune vicino.

Le coppie in zona arancione potranno spostarsi in altri Comuni solo se abitano in un piccolo paese (entro i cinquemila residenti), ma dovranno evitare i capoluoghi di regione/provincia. Gli spostamenti non sono invece consentiti in zona rossa.

Se si ha una seconda casa fuori regione, ad esempio al mare, si può andare a passare il weekend lì, purché la casa sia di proprietà di uno dei due fidanzati o comunque da uno dei due presa in affitto (gli spostamenti extraregionali nelle seconde case di parenti/amici non sono permessi).

Chi ha ormai superato la fase del San Valentino romantico, rigorosamente in due, può anche andare a trovare gli amici (purché la pensino allo stesso modo al riguardo, si intende). In zona gialla, infatti, ci si può spostare al massimo in due verso un’abitazione privata, all’interno della propria Regione, una volta al giorno, naturalmente fra le 5 e le 22, ora in cui scatta il coprifuoco. Si possono anche portare con sé eventuali figli under 14, parenti conviventi non autosufficienti o disabili.

Questo non è invece possibile in zona arancione, dove resta fortemente raccomandato di non uscire di casa, se non per lavoro, studio, salute, necessità, servizi. Idem in zona rossa. Per questi ultimi, dunque, si profila un San Valentino casalingo (e forse per questo ancor più romantico).

Pranzi e cene

Il pranzo al ristorante è assolutamente fattibile per una coppia in zona gialla, magari prenotando con un po’ di anticipo, considerando che è domenica e che, ultimamente, i ristoranti aperti sono letteralmente presi d’assalto, oltre a dover rimodulare gli spazi per garantire il distanziamento.

Nelle regioni a minor rischio, i ristoranti restano aperti fino alle 18, con possibilità di asporto (fino alle 22) e consegna a domicilio (sempre). Fino alla stessa ora, gli innamorati in zona gialla potranno andare al bar, a prendere un gelato, a comprare una torta (consegna a domicilio sempre consentita, asporto solo fino alle 18).

Qualche sacrificio in più per le coppie in zona arancione o rossa: ristoranti, bar, gelaterie e pasticcerie sono chiusi ma si potrà comunque ordinare una buona cena o una vaschetta di gelato take away. Resta infatti consentita la consegna a domicilio (sempre), mentre l’asporto è permesso fino alle 18 per i bar e fino alle 22 per i ristoranti.

Andare a cena fuori è estremamente problematico, a meno che non vogliate cenare prima delle 18. A quell’ora, i ristoranti – aperti al pubblico solo in zona gialla – chiudono. Quindi, niente cena fuori, ma si può ovviare al problema con asporto e delivery, come già indicato. Questo salvo provvedimenti last minute.

Per esempio in Sicilia, il presidente della Regione Nello Musumeci ha annunciato di voler chiedere al Governo un’apertura serale straordinaria dei ristoranti, in modo da consentire alle coppiette di cenare al lume di candela, ma soprattutto ai ristoratori di riprendere fiato.

Tempo libero  

Qui, purtroppo, è più lunga la lista dei divieti che delle possibilità. Il 14 febbraio, proprio in quanto domenica, non sarà possibile andare a fare una passeggiata in un museo: le esposizioni sono aperte, ma solo in zona gialla e solo nei giorni feriali.

Niente centro commerciale, perché nei festivi e prefestivi sono chiusi anche nelle regioni a minor rischio contagio. Men che meno si potrà andare a un concerto, a vedere un film al cinema o uno spettacolo a teatro: i luoghi della cultura sono chiusi da mesi perché a rischio assembramenti. Le possibilità, dunque, da questo punto di vista sono piuttosto limitate.

Per i regali, se non volete presentarvi con la solita scatola di cioccolatini presa al supermercato anche in extremis, domenica stessa, basta organizzarsi con un po’ di anticipo. I negozi sono aperti in zona gialla. In zona arancione e rossa, i fiorai sono tra i pochi autorizzati alla vendita, dunque non avete scuse.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube