Diritto e Fisco | Articoli

Gestione separata Inps: va iscritto il socio lavoratore e amministratore

6 Febbraio 2014
Gestione separata Inps: va iscritto il socio lavoratore e amministratore

Il socio lavoratore che è anche amministratore deve, ai fini della contribuzione previdenziale, essere obbligatoriamente iscritto anche alla apposita gestione separata presso l’Inps, mentre non è più consentita l’iscrizione ad una sola posizione previdenziale (quella dell’attività prevalente).

 

La Corte di Cassazione, con una apprezzabile e recente pronuncia [1], ha risolto una questione che si trascinava da tempo causando non pochi problemi.

Ci si chiedeva, infatti, se il socio lavoratore (ad esempio di una cooperativa di produzione e lavoro e di simili istituzioni), che al contempo svolge funzioni di amministratore all’interno della compagine sociale, debba essere iscritto, ai fini previdenziali, soltanto all’ente previdenziale dell’attività prevalente.

Nel caso specifico è stato stabilito che, nel caso di commercianti o artigiani o coltivatori diretti che lavorino nell’ambito di imprese, continuando a svolgere la loro attività di lavoro autonomo, non deve applicarsi la regola dell’unificazione della posizione previdenziale [2].

La sentenza dà maggiore consistenza all’indirizzo che consente di poter con sicurezza orientare i soggetti interessati che, da oggi in poi, sapranno di dovere aprire una parallela posizione previdenziale presso la gestione separata Inps [3].

Viene così definitivamente risolto un problema che assillava non solo datori e lavoratori, ma anche e soprattutto consulenti aziendali nella gestione delle posizioni previdenziali e, in particolare, i consulenti del lavoro e addetti alle buste paga.


note

[1] Cass.  sent.  n. 8666 del  09.04.2013.

[2] Prevista e regolata dall’ articolo 1, comma 208, della Legge n. 662 del 1996.

[3] Regolata dall’articolo 2, comma 26, della Legge n. 335 del 1995 (cosiddetta riforma Dini).

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube