Diritto e Fisco | Articoli

Cosa si rischia ad assumere una badante in nero?

14 Febbraio 2021
Cosa si rischia ad assumere una badante in nero?

Lavoro irregolare: le sanzioni nei confronti dello Stato e la vertenza legale azionata dalla badante. 

Quando si assume un lavoratore in nero, ossia senza regolarizzarlo, si va incontro a una serie di conseguenze di carattere amministrativo. Si parla cioè di sanzioni che non rientrano nel penale. Tuttavia, gli importi possono essere particolarmente elevati e questi si applicano sia ai casi in cui il datore di lavoro è un’azienda che a quelli in cui è una semplice persona fisica. Ecco perché, alla luce del fatto che il lavoro domestico è quello dove più spesso si verificano illeciti di tale tipo, è bene sapere cosa si rischia ad assumere una badante in nero. Gli stessi rischi che riguardano il caso dell’assunzione irregolare di una colf, di un giardiniere o di qualsiasi altro soggetto che, con regolarità, svolge un’attività lavorativa alle dipendenze altrui.

Di tanto parleremo in questo articolo. Spiegheremo cioè quali conseguenze rischia il datore di lavoro che, in questo caso, è colui che ha stretto il contratto verbale con la bandate. Ma procediamo con ordine.

Badante in nero: quando?

Come facilmente intuibile, non basta stabilire un accordo verbale con la badante, retribuendola con puntualità e cadenza mensile, per essere in regola con la legge. La lavoratrice, infatti, prestando attività periodica – anche se non giornaliera – si considera comunque una dipendente e come tale deve essere inquadrata.

In buona sostanza, il datore è tenuto a rispettare tutte quelle trafile burocratiche che si devono adottare per ogni lavoratore dipendente.

In particolare, per assumere una bandate italiana sono necessari:

  • la lettera di assunzione da far firmare alla badante, nella quale vi sia il contenuto minimo prescritto dal contratto collettivo per il lavoro domestico (dati anagrafici, documenti di identità, codice fiscale e recapiti di entrambe le parti, luogo di lavoro, inquadramento, eventuale convivenza, orario settimanale, mansioni, eventuale scadenza del contratto, paga oraria o mensile);
  • la comunicazione di assunzione da trasmettere all’Inps (recante gli stessi dati della lettera di assunzione) online, tramite sito web.

Bisogna poi verificare il pagamento dei contributi online relativamente a ogni trimestre dell’anno.

Invece, per assumere una badante straniera è necessario fare ulteriori adempimenti per i quali sarà bene rivolgersi a un Caf o a un consulente del lavoro.

Badante in nero: quali sono i rischi con lo Stato?

Se la badante è una cittadina italiana o straniera regolare, i rischi per il datore di lavoro si limitano solo al campo amministrativo per quanto riguarda i rapporti con lo Stato. In particolare:

  • se la bandate ha svolto attività in nero per non oltre 30 giorni, c’è una sanzione da un minimo 1.800 euro a un massimo 10.800 euro;
  • se la bandate ha svolto attività in nero per non oltre 60 giorni, la sanzione parte da un minimo di 3.600 euro e arriva ad un massimo di 21.600 euro;
  • se la badante ha svolto lavoro in nero per oltre 60 giorni, la sanzione oscilla tra un minimo di 7.200 euro e un massimo di 43.200.

Badante in nero: quali sono i rischi con la lavoratrice?

Non meno gravi sono i rischi che si corrono nei confronti della lavoratrice. Quest’ultima infatti potrebbe avviare una vertenza di lavoro e chiedere:

  • tutti gli stipendi maturati durante il rapporto di lavoro, il cui pagamento il datore non è in grado di dimostrare con modalità tracciabili. Il che significa che se la bandate è stata sempre pagata in contanti, quest’ultima potrà chiedere tutte le mensilità dal primo giorno di assunzione fino all’ultimo, fingendo di non aver ricevuto nulla. È possibile far valere tale diritto fino a cinque anni dopo la cessazione del rapporto di lavoro;
  • le differenze retributive: ciò succede quando il datore di lavoro è in grado di dimostrare l’avvenuto pagamento delle mensilità ma queste sono di importo inferiore rispetto a quanto stabilito dal contratto collettivo nazionale. Anche in questo caso, il termine di prescrizione è di cinque anni decorrenti dalla cessazione del rapporto lavorativo;
  • i contributi previdenziali: per ogni mese di retribuzione, sono dovuti anche i contributi previdenziali non versati dal datore di lavoro all’Inps;
  • il Tfr ossia il trattamento di fine rapporto che spetta nella misura di una mensilità di stipendio per ogni anno lavorato;
  • le ferie e i permessi non goduti;
  • l’indennità di preavviso per la cessazione in tronco del rapporto di lavoro.

Per far valere tali diritti, la badante può rivolgersi all’Ispettorato territoriale del lavoro, un organo amministrativo che chiederà un colloquio con il datore di lavoro per tentare una mediazione e fare in modo che questi versi bonariamente il dovuto, diversamente rischiando le sanzioni. 

In alternativa, la lavoratrice può rivolgersi al tribunale ordinario, per mezzo del proprio avvocato, affinché ingiunga al datore di lavoro il pagamento di tali somme. 

Approfondimenti

Per ulteriori informazioni, leggi:



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube