Diritto e Fisco | Articoli

Posto di blocco: regole e come comportarsi

11 Giugno 2021 | Autore:
Posto di blocco: regole e come comportarsi

Che cosa deve fare il conducente e che cosa possono fare gli agenti o i militari. Quali sanzioni per chi non rispetta l’alt.

Sei alla guida della tua auto e, ad un certo punto, vedi un agente di Polizia o un carabiniere che ti fa segno con la paletta di accostare e di fermarti: sei finito in un posto di controllo. Se, invece, vedi che la strada si stringe perché sono stati posizionati dei coni per costringerti a passare da un determinato punto in cui ci sono poliziotti o carabinieri, sei finito in un posto di blocco. Due situazioni teoricamente diverse ma con norme di comportamento molto simili. Ed in entrambi i casi sono previste delle sanzioni per chi non rispetta l’alt. Quelle più salate riguardano il mancato rispetto del posto di blocco: quali regole e come comportarsi per evitare dei guai seri?

Di regole, in realtà, ne basterebbero solo due: stare tranquilli e fare quello che gli agenti chiedono di fare. In questo modo, non ci sarà nulla di cui dovrai preoccuparti: prima o poi, finito il controllo o il blocco, ti lasceranno proseguire. Tuttavia, a scanso di equivoci o di situazioni imbarazzanti, è importante ricordare che le regole non valgono solo per gli automobilisti ma anche per i poliziotti o i carabinieri o i finanzieri impegnati al posto di blocco o di controllo. Pure loro hanno delle norme ben precise da osservare, perché possono muoversi entro certi margini stabiliti dalla legge.

Ecco, allora, le regole di comportamento che vanno rispettate in un posto di blocco.

Posto di blocco o di controllo: c’è una differenza?

Come accennato all’inizio, spesso, si utilizzano le espressioni posto di blocco o posto di controllo come sinonimi. Eppure, anche se apparentemente può sembrare che abbiano lo stesso scopo, sono due situazioni diverse che prevedono anche delle sanzioni diverse nel caso in cui l’automobilista decida di tirare dritto e di non fermarsi.

Il posto di blocco è costituito da più pattuglie delle forze dell’ordine (possono essere agenti di Polizia, Carabinieri, militari della Guardia di Finanza, ecc.). Lo scopo è quello di controllare tutte le auto una per una: di solito (ma non solo), infatti, viene istituito il posto di blocco quando si sta cercando di individuare una persona ricercata. Proprio per questo, viene creata con i coni una corsia – preceduta dal cartello «Alt Polizia» ben visibile – in cui vengono obbligatoriamente incanalate le macchine, in modo che tutte siano visibili agli agenti e che possa essere rispettato, se richiesto, l’alt.

Il posto di controllo, cioè quello che si trova più spesso per strada, non prevede questa corsia obbligatoria. L’automobilista troverà solo una pattuglia formata da almeno due agenti che, a una certa distanza, gli faranno segno con la paletta di accostarsi e di fermarsi. Il conducente deve restare nell’abitacolo, a meno che gli agenti gli chiedano di scendere.

C’è un’altra differenza, come detto, tra posto di blocco e posto di controllo, e consiste nelle sanzioni. Chi non rispetta un posto di blocco rischia una multa tra 1.256 e 5.030 euro, la denuncia all’autorità giudiziaria e la decurtazione di 10 punti dalla patente. Meno severa, ma non per questo meno importante, la sanzione in caso di mancato stop al posto di controllo: multa tra 80 e 318 euro, fermo dell’auto e decurtazione di 3 punti dalla patente.

Posto di blocco: come comportarsi?

Parliamo, dunque, del posto di blocco, vale a dire di quella corsia obbligatoria preceduta dal cartello «Alt Polizia» in cui bisogna incanalarsi in fila indiana. Non occorre ricordare che, quando non hai qualcosa da nascondere, tanto vale che stai tranquillo (soprattutto se sei «alla prima esperienza»): l’agitazione può far pensare agli agenti di avere fatto centro.

Visto che di tempo ne hai, perché devi rallentare e metterti in fila indiana per passare davanti ai poliziotti, è opportuno controllare che tu non stia trasgredendo alcuna norma del Codice della strada: sicuramente, non avrai il cellulare in mano, avrai la cintura di sicurezza allacciata e starai tenendo il volante con le due mani. Meglio per te.

Se la fila di auto si ferma e sei in sosta in attesa di avvicinarti agli agenti, puoi approfittare per preparare e tenere a portata di mano i documenti che potrebbero esserti richiesti. Che poi sono i soliti: patente e libretto.

Quando arrivi davanti ai poliziotti, le possibilità sono due. La prima: che, dopo aver guardato te e la targa del tuo veicolo, ti dicano di proseguire. In questo caso, il posto di blocco è stato superato senza particolari problemi e puoi continuare il tuo viaggio. La seconda: che gli agenti vogliano fare un controllo più approfondito. A questo punto, ti diranno di accostare e di fermare la macchina.

Non devi scendere dall’abitacolo, a meno che non ti venga richiesto. Dovrai mostrare ai poliziotti i documenti che ti verranno richiesti (quelli che hai precedentemente preparato più quelli che riterranno opportuno visionare), purché si tratti di quelli che devi obbligatoriamente portare in auto (leggi Documenti in auto: quali sono obbligatori?).

Secondo il Codice della strada, gli agenti possono:

  • ispezionare il veicolo per verificare che rispetti tutte le norme previste dalla legge;
  • bloccare l’auto se le luci o le gomme presentano difetti o irregolarità «tali da determinare grave pericolo per la propria e l’altrui sicurezza, tenuto conto delle condizioni atmosferiche o della strada»;
  • chiedere al conducente di non proseguire o di prestare determinate cautele se sprovvisto di catene o di gomme da neve che in quel momento e in quella strada si rendono necessarie.

I poliziotti possono chiederti anche di aprire il bagagliaio per effettuare un’ispezione, così come controllare l’interno dell’abitacolo (vano portaoggetti, tasche delle portiere, ecc.).

Nel caso in cui emergano degli elementi che possano far pensare il possesso di armi o di sostanze stupefacenti, gli agenti sono legittimati anche a perquisirti. Ma dovranno redigere e consegnarti un verbale sul posto spiegando il motivo della perquisizione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Differenza tra posti di controllo e posti di blocco da parte delle FF. PP.

    In Italia all’interno del territorio civile i posti di blocco vengono istituiti da parte delle forze dell’ordine in casi eccezionali per esempio quando si è alla ricerca di un pericoloso latitante o altre gravi ed eccezionali situazioni. Se il posto di blocco è formato da forze dell’ordine, in genere, esse usano delle bande chiodate e dei birilli o coni per assicurarsi del progressivo rallentamento e fermata di tutti i veicoli. Il termine posto di blocco viene spesso erroneamente utilizzato per indicare il posto di controllo che si differenzia per le modalità operative di esecuzione, interessando solitamente un solo senso di marcia e richiedendo un limitato numero di operatori e mezzi di controllo; inoltre, ed è la differenza principale, nel posto di controllo è arbitrario chi bloccare, mentre nel posto di blocco tutti vengono fermati. I posti di controllo infatti sono generalmente istituiti sulle strade urbane per i controlli ordinari di guida con la richiesta di esibire documenti d’identità e relativa patente e il controllo di veicoli segnalati, ma è possibile trovare anche “posti di controllo pedonali” che consistono esclusivamente nel controllo dei pedoni. In definitiva il posto di blocco viene istituito in situazioni eccezionali bloccando entrambi i sensi di circolazione della strada interessata, mentre il posto di controllo è comunemente utilizzato per il normale controllo quotidiano di prevenzione.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube