Diritto e Fisco | Articoli

Pratica rigettata: l’amministrazione deve invitare il cittadino a integrare la documentazione

9 Febbraio 2014
Pratica rigettata: l’amministrazione deve invitare il cittadino a integrare la documentazione

Prima di rigettare l’istanza incompleta avanzata dal cittadino, la pubblica amministrazione deve invitarlo a integrare la documentazione.

Quando la pubblica amministrazione verifica che una pratica presentata da un cittadino è incompleta nella documentazione prodotta non può limitarsi a rigettare l’istanza, ma deve prima comunicare al cittadino l’eventuale irregolarità, invitandolo a integrare gli allegati. È quanto emerge da una sentenza della Cassazione di qualche giorno fa [1].

Gli Uffici pubblici sono tenuti alla lealtà e alla collaborazione con i cittadini; pertanto è illegittimo negare un aiuto con la giustificazione dell’istanza incompleta. Tutto il procedimento amministrativo deve, infatti, svolgersi nell’ottica della collaborazione con le esigenze della base. I burocrati, insomma, non possono limitarsi a fare i burocrati, ma devono collaborare con la cittadinanza. Tal principio di collaborazione [2] vale anche nei procedimenti aventi ad oggetto il riconoscimento di contributi, sussidi e finanziamenti pubblici.

Pertanto, l’amministrazione – nell’ipotesi di documentazione incompleta o erronea – ha l’obbligo di precisare quali documenti siano eventualmente carenti e di invitare l’interessato ad integrare quelli mancanti, e non può limitarsi a respingere la richiesta, a distanza di anni, affermando genericamente che la documentazione era incompleta.

Si tratta di una sentenza importante, non solo per le sue implicazioni giuridiche, ma anche e soprattutto per la “impostazione culturale” che vuole attribuire ai rapporti tra Stato e cittadini.

Se una legge pone a carico della pubblica amministrazione l’accertamento della regolarità della documentazione amministrativo-contabile a corredo di una pratica presentata dal cittadino, l’ente è sempre “obbligato” a rendere conto della propria verifica, nell’ambito del contraddittorio con il privato: ogni comportamento contrario tenuto dal burocrate è contrario alla legge (che impone il rispetto della “buona fede”) e consente al cittadino di rivolgersi al tribunale per ottenere tutela.

In definitiva, viene segnato un nuovo punto a favore di chi ritiene che l’attività della pubblica amministrazione deve svolgersi nel rispetto dei principi e delle disposizioni del Codice civile e, in generale, di quello della “buona fede”, anche interpretativa.


note

[1] Cass. sent. n. 2795/14.

[2] Enunciato dall’art. 7 della legge 7 agosto 1990 n. 241.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube