Come regolarizzare le fatture per non perdere i bonus

15 Febbraio 2021 | Autore:
Come regolarizzare le fatture per non perdere i bonus

Cosa fare per integrare i documenti privi delle indicazioni necessarie per ottenere le agevolazioni: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate.

Se la fattura ricevuta da chi ha fornito beni o servizi non contiene l’indicazione specifica delle norme che prevedono i bonus, c’è un’irregolarità che impedisce di fruire delle agevolazioni e, se queste sono già state concesse, l’omissione è causa di revoca. Ora, però, l’Agenzia delle Entrate ha fornito i necessari chiarimenti [1], indicando cosa fare per regolarizzare le fatture senza perdere i benefici.

Ecco quali sono le modalità da seguire, in base al formato cartaceo o elettronico delle fatture pervenute al cessionario che dovrà utilizzarle per ottenere i benefici fiscali come il credito d’imposta:

  • se le fatture sono state ricevute in formato cartaceo, si può inserire il riferimento alla norma agevolativa riportando la dicitura su ciascuna fattura, con «scritta indelebile» anche con «utilizzo di apposito timbro»;
  • per le fatture elettroniche, si può stampare il documento riportando sulla copia cartacea la medesima scritta indelebile che riporta il riferimento normativo, oppure, in alternativa, «realizzare un’integrazione elettronica da unire all’originale e conservare insieme allo stesso».

In questo secondo caso, il beneficiario potrà evitare di stampare la fattura e si limiterà a compilare un altro documento elettronico «da allegare al file della fattura in questione, contenente sia i dati necessari per l’integrazione sia gli estremi della fattura stessa», trasmettendo il file al Sdi (sistema di interscambio) con le stesse modalità di integrazione previste per le fatture emesse in regime di reverse charge (inversione contabile) [2].

Se la correzione è stata apportata sulla fattura cartacea, il documento regolarizzato dovrà sempre essere conservato con le modalità consuete [3] e tenuto a disposizione per essere esibito in occasione dei controlli svolti dall’Amministrazione finanziaria.

Tutte le regolarizzazioni, per essere valide, dovranno essere effettuate prima dell’inizio delle attività di controllo, altrimenti non saranno considerate valide. Poiché la fruizione delle agevolazioni è condizionata alla regolarità dei documenti prodotti, è opportuno fare le correzioni necessarie il più presto possibile per evitare il rischio che non vengano concesse.

Il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate è arrivato con riferimento ai crediti d’imposta della cosiddetta “Transizione 4.0.” che contiene il credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali previsti dalle Leggi di Bilancio 2020 e 2021 [4] e ripropone le modalità già indicate per i finanziamenti previsti dalla Legge Sabatini per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature da parte delle piccole e medie imprese [5].

È ancora possibile procedere nel modo suggerito dal ministero dello Sviluppo Economico [6] per le fatture elettroniche relative alla Legge Sabatini, regolarizzando le fatture a cura del cedente, anziché del cessionario, «mediante l’emissione di una nota di credito volta ad annullare il titolo di spesa errato e la successiva emissione di un nuovo titolo di spesa corretto».


note

[1] Agenzia delle Entrate, risposte agli interpelli n. 438 e 439 del 5 ottobre 2020.

[2] Circolari Agenzia Entrate n. 13/E/2018 e n. 14/E/2019.

[3] Art. 39 del D.P.R. n. 633/72.

[4] Art. 1, commi da 1054 a 1058 della Legge n. 178/2020 e art. 1, commi da 184 a 195, della Legge n.160/2019.

[5] Art. 10 del D.M. 25 gennaio 2016.

[6] MISE, risposta a Faq n. 10.15.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube