Diritto e Fisco | Articoli

È nullo l’assegno postdatato?

9 Febbraio 2014
È nullo l’assegno postdatato?

Falso. La legge [1] prevede la regola del pagamento a vista dell’assegno e l’invalidità di ogni difforme disposizione riportata per iscritto sul titolo stesso. In pratica, l’assegno va pagato appena presentato allo sportello ed ogni diverso accordo tra le parti è nullo. Pertanto, la postdatazione non induce di per sé la nullità dell’assegno bancario, ma comporta soltanto la nullità del relativo accordo intercorso tra le parti (quello, cioè, di presentare l’assegno all’incasso dopo una certa data riportata sul titolo): tali accordi sono infatti considerati dalla legge contrari a norme imperative poste a tutela della buona fede e della regolare circolazione dei titoli di credito. Il che vuol dire che la postdatazione è come non apposta e il creditore può esigere immediatamente il pagamento dell’assegno [2].


note

[1] Art. 31 del R.D. 21-12-1939, n. 1736.

[2] Cass. sent. n. 5069/10; Cass. sent. n. 7135/2001.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube