Cronaca | News

Governo Draghi: prime crepe nella maggioranza

15 Febbraio 2021 | Autore:
Governo Draghi: prime crepe nella maggioranza

La Lega attacca il Cts per lo stop allo sci; nel M5S molti dissidenti; Salvini chiede un «cambio di passo» sull’immigrazione; Bonaccini: «serve un nuovo metodo».

A poche ore dal giuramento del nuovo Governo Draghi, la politica italiana si divide ed emergono vistosi dissensi e spaccature. Il primo attacco arriva dalla Lega, che insorge contro la chiusura degli impianti da sci fino al 5 marzo: un provvedimento adottato d’urgenza nella giornata di domenica dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base delle indicazioni del Cts, il Comitato tecnico-scientifico, preoccupato dalla diffusione della variante inglese del Covid.

E proprio il Cts finisce nel mirino delle proteste: «Non si può continuare con il metodo Conte», dichiarano i capigruppo della Lega alla Camera e al Senato, chiedendo anche il risarcimento dei danni subiti dagli operatori economici del settore, che erano pronti a ripartire e all’ultimo momento hanno subito l’imprevisto stop.

Protesta anche il presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, che esprime «stupore e sconcerto» per la decisione del Governo «che spiazza totalmente i gestori degli impianti e chi aveva già prenotato» una vacanza sulla neve. «Non si può arrivare a decisioni del genere con così poco preavviso», dice. E avverte: «Mai più decisioni del genere con queste tempistiche, non è tollerabile. Serve un nuovo metodo».

Tutte le Regioni del Nord si associano alla linea del dissenso dal Governo: il Governatore della Lombardia, Attilio Fontana, giudica «assurda la decisione di non riaprire gli impianti di sci a poche ore dalla scadenza dei divieti»; il Presidente del Veneto, Luca Zaia, dice che «non possiamo continuare ad assistere a questo balletto di dichiarazioni, col Cts che prima dice che possono essere aperte le piste da sci e poi il niet finale»; quello del Piemonte, Alberto Cirio, si dichiara «allibito» e parla di «una mancanza di rispetto inaccettabile da parte dello Stato». Analoghe dichiarazioni arrivano dalla Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Abruzzo.

Per rimediare, l’Esecutivo progetta un cambio di passo, non di squadra, nel funzionamento del Cts: oggi, si terrà una riunione a palazzo Chigi per attuare quella «sobrietà nelle dichiarazioni» auspicata dal presidente del Consiglio Mario Draghi, in modo da far parlare con la stampa solo un portavoce del Comitato anziché i singoli membri e da comunicare le valutazioni scientifiche prima al Governo e solo dopo all’opinione pubblica.

Ma il centrodestra attacca il Governo anche sul fronte dell’immigrazione e dell’ordine pubblico: Matteo Salvini chiede al ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, «un cambio di passo nella lotta alla droga, alla mafia e all’immigrazione clandestina» e si richiama all’«autorevolezza di Draghi, per ottenere quello che Conte non è riuscito ad ottenere».

Intanto, nel Movimento 5 Stelle, si allarga il fronte dei dissidenti. Da quanto trapela, una ventina di senatori, su un totale di 92 pentastellati, sarebbero orientati a non votare la fiducia al Governo mercoledì. In proposito, il reggente del M5S Vito Crimi preannuncia che chi non voterà a favore sarà espulso. Per aggirare la sanzione, allora, i contrari potrebbero optare per la linea dell’astensione, come prefigurano i senatori Barbara Lezzi e Emanuele Dessì. Ma questo dissenso peserebbe molto sulla tenuta della coalizione di Governo, che di fatto nascerebbe già indebolito.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube