Cronaca | News

Covid: verso un nuovo lockdown?

15 Febbraio 2021 | Autore:
Covid: verso un nuovo lockdown?

Chiusure generalizzate a livello nazionale per almeno un mese: la ricetta degli esperti Ricciardi, Palù e Crisanti al ministro della Salute e al Governo Draghi.

Forse, i sacrifici non sono ancora finiti. In queste ore, si moltiplicano le richieste di chiusure generalizzate o localizzate, da parte di scienziati ed esperti. Altro che riaperture programmate: il ritorno alla normalità è rimandato. Preoccupano la curva dei contagi, il ritardo nel programma vaccinale e l’arrivo di nuove varianti del Covid-19.

Il primo a rompere il ghiaccio è il consigliere del ministro della Salute, Walter Ricciardi: «Serve un lockdown breve e mirato, per 2, 3 o 4 settimane, ossia per tutto il tempo necessario a riportare l’incidenza di Covid-19 al di sotto dei 50 casi per 100mila abitanti»; e, intanto, bisogna «tornare a testare e tracciare; vaccinare a tutto spiano», dice in un’intervista a Il Messaggero.

«Mi rivolgo al ministro della Salute Speranza, che ha sempre accolto i miei suggerimenti. Nel Governo precedente, però, trovava un muro, la linea di chi voleva convivere con il virus. Questo ha causato decine di migliaia di morti e affondato l’economia». Ricciardi auspica che «la strategia del nuovo Governo sia “no Covid” e ci riporti alla normalità e alla ripresa economica in tempi ragionevoli» ma segnala il pericolo della variante inglese che «si trasmette più velocemente ed è lievemente più letale», mentre quella brasiliana «può dare origine a reinfezioni».

Da qui, la richiesta di «un nuovo lockdown nazionale, come a marzo 2020», mentre «dobbiamo organizzarci per vaccinare 250-300mila persone al giorno e dobbiamo anche potenziare il sequenziamento».

Sulla stessa linea il virologo Giorgio Palù, presidente dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) che sul Corriere della Sera sottolinea: «Se terremo a bada il virus nei prossimi due, tre mesi, forse usciremo dal raggio della sua minaccia. Le infezioni respiratorie raggiungono il picco in inverno e in primavera-estate si mitigano. Dobbiamo aver fiducia! Spingendo sulle vaccinazioni e rinunciando per qualche altra settimana ad attenuazione di colori e tentazioni di riaperture».

Così per Palù «si può evitare la terza ondata. Siamo in una fase discendente della curva epidemica, anche se lenta. Non è il momento di distrazioni. Fino a che l’abbassamento dell’Rt non sarà significativo tutti noi siamo chiamati a rispettare le misure di protezione individuale ed evitare gli assembramenti». Sul pericolo delle tre varianti che stanno circolando – l’inglese, la sudafricana e la brasiliana – Palù spiega che «rendono il Sars-CoV-2 più contagioso e quindi aumentano il rischio di ricoveri in ospedale e di decessi. La preoccupazione non si può negare. Quindi andrei cauto con la ripresa di scuole superiori e università. Sarebbe ideale poter spostare il calendario in avanti, quando il quadro sarà migliore».

Rincara la dose il virologo Andrea Crisanti in un’intervista a La Stampa: «Il 20% dei contagiati presenta la variante inglese e la percentuale è destinata ad aumentare. Bisognava fare il lockdown a dicembre, prevenendo tutto questo, mentre ora siamo nei guai. Serve un lockdown duro subito, per evitare che la variante inglese diventi prevalente e per impedire che abbia effetti devastanti. E neanche zone arancioni: va chiuso tutto e va lanciato un programma nazionale di monitoraggio delle varianti».

«Dove si trovano le varianti brasiliana e sudafricana servono lockdown stile Codogno, non le zone rosse che sono troppo morbide – avverte il virologo – La Germania continua il lockdown, la Francia pure, l’Inghilterra anche, solo noi pensiamo a sciare e a mangiar fuori. Tutti vogliamo una vita normale, ma non si realizza se non si controlla la pandemia».

Sulle possibili chiusure frena, invece, l’infettivologo Matteo Bassetti: «Il lockdown nazionale è un disco rotto, ci sono altre strategie. I numeri dicono che abbiamo il 5% di positivi, la situazione non è di emergenza. Abbiamo gli strumenti per contrastare la pandemia. Se c’è un aumento dei casi e dei ricoveri si dovrà intervenire a livello locale con le chiusure», dice all’Adnkronos Salute.

Ora, bisogna vedere se nel nuovo Governo a guida Mario Draghi prevarrà la linea degli “aperturisti”, sostenuta soprattutto dal centrodestra, o quella dei “rigoristi” propugnata da buona parte della maggioranza che sosteneva anche il Governo Conte. I primi segnali arrivati fanno capire che l’Esecutivo è orientato alla massima prudenza: ieri pomeriggio, a sorpresa, ha disposto la chiusura degli impianti di sci fino al 5 marzo recependo le preoccupazioni espresse dal Comitato tecnico-scientifico e bloccando la riapertura delle piste che il precedente Governo aveva stabilito per oggi. Una scelta che ha provocato numerose proteste da parte del centrodestra e delle Regioni e che sta aprendo le prime crepe nella maggioranza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube