Diritto e Fisco | Articoli

Ostacoli alle visite ai nipoti: ora i nonni possono rivolgersi al Tribunale

9 Febbraio 2014 | Autore:
Ostacoli alle visite ai nipoti: ora i nonni possono rivolgersi al Tribunale

In caso di limitazione del diritto di visita verso i nipoti, i nonni potranno ricorrere al giudice perché emetta i provvedimenti più idonei a tutelare l’interesse del bambino.

 

Finalmente una buona notizia per tutti quei nonni che, per causa dei conflitti tra figli, generi e nuore, sono stati di fatto ostacolati a frequentare i propri nipoti in caso di separazione dei genitori. La legge [1], infatti, ha riconosciuto ad essi il diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni attraverso la possibilità di rivolgersi al giudice. Il tutto si realizza grazie ad una specifica azione giudiziaria.

Il procedimento si svolge in camera di consiglio [2] (ossia in un’udienza privata e non pubblica, come di solito accade). Il giudice, dopo aver assunto le informazioni che ritiene necessarie e sentito il pubblico ministero, ascolta il minore coinvolto. L’ascolto viene fatto sempre nei confronti dei minori che hanno superato i 12 anni, mentre per quelli infradodicenni solo se ritenuti capaci di discernimento.

Si tratta di una novità non di poco conto. Prima di tale riforma, infatti, la legge [2] garantiva ai minori il diritto a conservare “rapporti significativi” con gli ascendenti e con i parenti di ciascun genitore, ma i nonni, dall’altro lato, non potevano ricorrere al giudice se limitati o ostacolati nel diritto di vedere i propri nipoti (cosiddetto “diritto di visita”). Insomma, avevano un “diritto” più teorico che concreto (confronta l’articolo: “Nonni, quali diritti e quali doveri in caso di separazione dei coniugi”).

Oggi, invece, il codice civile prevede che non solo i nipoti, ma anche gli ascendenti (e, quindi, i nonni) hanno diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni. Pertanto, se tale diritto viene impedito o limitato, essi potranno ricorrere al giudice del luogo di residenza abituale del minore affinché adotti i provvedimenti più opportuni nell’esclusivo interesse del bambino.

 

Attenzione quindi!  Ancora una volta il giudice dovrà guardare alla tutela del benessere del bambino: ciò significa, all’atto pratico, che se emerge, nel corso della causa, che è proprio il minore a voler evitare il rapporto con il nonno, il giudice dovrà tenerne conto e non potrà di certo imporre al bambino delle visite non gradite.


note

[1] Art. 317 bis cod. civ. così come rinnovato dal D.lgs 154/2013, in vigore da venerdì 7 febbraio 2014.

[2] Art. 336 co. 2 cod. civ.

 

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube