Diritto e Fisco | Articoli

Si all’addebito della separazione se il marito è dispotico

9 Febbraio 2014 | Autore:
Si all’addebito della separazione se il marito è dispotico

Si all’addebito della separazione nei confronti del marito dispotico e fedifrago: è irrilevante che i suoi comportamenti si inseriscano in un quadro di rapporti, con l’ex moglie, giunti ormai al capolinea.

Scatta l’addebito della separazione nei confronti del marito dispotico e fedifrago e ciò anche qualora i comportamenti aggressivi e infedeli siano stati tenuti dall’uomo quando ormai la crisi coniugale era già iniziata.

In sostanza, una convivenza ormai logorata da un rapporto già compromesso non può giustificare la condotta aggressiva, dispotica e l’infedeltà del marito con un’altra donna. Al contrario, proprio tali comportamenti possono essere ritenuti la vera e definitiva causa della fine del matrimonio; essi fanno, perciò, scattare l’addebito della separazione nei confronti dell’ex marito.

Lo ha stabilito la Cassazione che, con una recente ordinanza [1], ha accolto la domanda di addebito della separazione,  presentata da una ex moglie nei confronti del suo ex marito nel giudizio di separazione personale dei coniugi. I giudici hanno ritenuto che la vicinanza temporale tra gli episodi di violenza subiti dalla donna e la presentazione da parte di quest’ultima del ricorso per la separazione sia stata la riprova inequivocabile che la fine del matrimonio, sia pur già compromesso, sia dipesa proprio dall’eccessività degli atteggiamenti aggressivi e fedifraghi del marito. Ed è per questo che la Corte ha inteso addebitargli la separazione.


note

[1] Cass., ordinanza n. 2086 del 30.01.14.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube