Diritto e Fisco | Articoli

Se il locatore disdice l’affitto per dare l’immobile alla propria famiglia ma poi non lo fa…

13 Febbraio 2014
Se il locatore disdice l’affitto per dare l’immobile alla propria famiglia ma poi non lo fa…

Il locatore ha diritto di ottenere il rilascio dell’immobile locato per destinarlo a fini propri e della propria famiglia; tuttavia, se poi non sfrutta l’appartamento per tale scopo deve versare un risarcimento al conduttore.

 

Se il locatore manda via di casa l’inquilino per destinare l’immobile a proprie esigenze abitative (facoltà che gli è concessa dalla legge) ma poi, successivamente, non ne usufruisce, è tenuto a risarcire i danni in favore del conduttore. A dirlo è una recente sentenza della Cassazione [1].

La legge consente al padrone di casa di disdire il contratto di locazione, dopo i primi 4 anni, solo per ipotesi specifiche, tra le quali vi è l’esigenza di destinare l’immobile a finalità proprio o della propria famiglia (per esempio: l’esigenza di dare un tetto al figlio che si sta per sposare). Se però il locatore, entro 90 giorni dall’avvenuta consegna dell’appartamento da parte dell’inquilino, non ha adibito, senza giustificato motivo, l’immobile ad abitazione propria, del coniuge, dei genitori e dei figli, è tenuto al rimborso delle spese di trasloco e degli altri oneri sopportati dal conduttore e al risarcimento del danno in misura non inferiore a 48 mensilità [2].


note

[1] Cass. sent. n. 1992/14 del 29.01.2014.

[2] Si tratta della cosiddetta indennità ex art. 3, comma 4, L. 61/89.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. in relazione a questo articolo cosa si intende per giustificato motivo? si possono avere degli esempi?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube