Diritto e Fisco | Articoli

Pensione anticipata professionisti

14 Giugno 2021 | Autore:
Pensione anticipata professionisti

A quale età e con quanti anni di contributi possono pensionarsi i liberi professionisti: avvocati, commercialisti, consulenti, ingegneri ed altri.

La pensione di vecchiaia, presso diverse casse di previdenza dei liberi professionisti, si ottiene con un requisito di età anche più severo rispetto a quello previsto presso la generalità delle gestioni Inps. Ad esempio, presso la Cassa forense, cioè presso la cassa degli avvocati, si ottiene la pensione di vecchiaia con ben 70 anni di età.

Fortunatamente, così come presso l’Inps sussiste la possibilità di anticipare il requisito anagrafico per la pensione, attraverso diverse tipologie di trattamenti anticipati e di anzianità, questa possibilità è prevista anche da diverse casse dei liberi professionisti.

Facciamo allora il punto sulla pensione anticipata professionisti: avvocati, consulenti, commercialisti, ragionieri, ingegneri, geometri, medici, psicologi, infermieri, attuali, chimici e fisici, geologi, agronomi e forestali.

Bisogna comunque tenere presente che, dal 2017 [1], è possibile conseguire, da parte di tutti i professionisti che possiedono contributi anche presso una delle gestioni Inps, la pensione anticipata ordinaria Fornero in regime di cumulo [2], con 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini, 41 anni e 10 mesi per le donne, senza un requisito di età minimo.

Il requisito contributivo deve essere soddisfatto contando la contribuzione presente presso tutte le gestioni previdenziali, purché non coincidente. A partire dalla maturazione del requisito contributivo, per la decorrenza della pensione è necessario attendere tre mesi. La pensione viene liquidata dall’Inps, ma ogni gestione versa la quota di propria competenza.

Il requisito contributivo può essere anticipato a 41 anni dai lavoratori precoci appartenenti a specifiche categorie. Ma procediamo con ordine.

Pensione di anzianità avvocati

Gli avvocati iscritti presso la Cassa forense possono ottenere la pensione di anzianità con un minimo di 62 anni di età e 40 di contribuzione. La pensione, in questo caso, è calcolata con il sistema retributivo proprio della cassa, che si basa su quote differenti e su differenti redditi medi.

L’avvocato, per andare in pensione di anzianità, deve cancellarsi dagli albi. Per saperne di più, leggi: Pensione avvocati.

Pensione di vecchiaia anticipata consulenti del lavoro

I consulenti del lavoro iscritti presso Enpacl, per non attendere il requisito anagrafico della pensione di vecchiaia, possono chiedere una pensione anticipata se hanno compiuto 60 anni di età e possiedono almeno 40 anni di contributi. In questo caso, la pensione è liquidata col particolare sistema di calcolo in trentesimi fino all’anno 2012 compreso, poi con il sistema contributivo.

Pensione di vecchiaia anticipata ragionieri

I ragionieri iscritti presso la Cnpr possono ottenere la pensione anticipata con un minimo di 63 anni e 9 mesi e 20 anni di contributi, se privi di contribuzione antecedentemente al 2004.

Pensione anticipata commercialisti

I dottori commercialisti, iscritti presso la Cnpadc, possono ottenere la pensione di anzianità con un minimo di 61 anni di età e 38 anni di contributi, oppure di 40 anni di contribuzione, senza un requisito anagrafico minimo.

In merito alla liquidazione del trattamento:

  • se i requisiti per la pensione sono maturati nel primo trimestre dell’anno, la pensione decorre dal 1° ottobre;
  • se i requisiti sono maturati nel secondo trimestre dell’anno, il trattamento decorre dal 1° gennaio dell’anno successivo;
  • se maturano nel terzo trimestre dell’anno, la pensione decorre dal 1° aprile dell’anno successivo;
  • infine, se i requisiti vengono perfezionati nel quarto trimestre dell’anno, la pensione decorre dal 1° luglio dell’anno successivo.

Se la domanda di pensione è inviata oltre la decorrenza, il trattamento è liquidato a partire dal primo giorno del mese successivo alla proposizione dell’istanza.

I dottori commercialisti che sono privi di contribuzione alla data del 31 dicembre 2003 possono anche ottenere la pensione unica contributiva con un minimo di 62 anni di età e di 5 anni di contribuzione. In questo caso, la pensione è calcolata con il sistema integralmente contributivo.

Pensione di vecchiaia unificata anticipata ingegneri

Gli ingegneri iscritti presso Inarcassa ottengono la pensione di vecchiaia unificata anticipata con un minimo di 63 anni e di 35 anni di contribuzione (questo è il requisito contributivo a regime a partire dal 2023).

Pensione anticipata medici

I medici iscritti all’Enpam possono ottenere la pensione anticipata con un minimo di 62 anni di età e di 35 anni di contribuzione. In alternativa, qualora possiedano almeno 42 anni di contribuzione, ottengono la pensione anticipata senza un requisito anagrafico minimo. Bisogna in ogni caso conseguire almeno trent’anni di anzianità dalla laurea.

Pensione anticipata geometri

I geometri iscritti presso la Cipag ottengono la pensione di anzianità con un minimo di 60 anni di età e di 40 anni di contributi, purché il volume d’affari su cui si basa il calcolo del trattamento risulti almeno pari a 9.200 euro (requisito 2021).

Pensione anticipata infermieri

Per gli infermieri professionisti iscritti presso Enpapi non esiste una vera e propria pensione anticipata, salvo il trattamento anticipato ordinario che è possibile ottenere in regime di cumulo con le gestioni Inps.

Gli infermieri possono ottenere il pensionamento con un minimo di 65 anni di età e di 5 anni di contribuzione presso l’ente di categoria. Il trattamento pensionistico si calcola con il sistema integralmente contributivo.

Pensione anticipata multi-categoria

I professionisti iscritti all’Epap, ossia all’ente multi-categoria del quale fanno parte attuari, chimici e fisici, geologi, agronomi e forestali, possono ottenere la pensione con 65 anni di età e cinque anni di contributi. La pensione si calcola con il sistema integralmente contributivo, come avviene presso tutte le casse professionali private, cosiddette nuove casse professionali.

Pensione anticipata professionisti senza cassa

I professionisti privi di cassa di categoria ed iscritti presso la gestione separata dell’Inps possono ottenere le seguenti tipologie di pensione anticipata, oltre alla pensione anticipata ordinaria con 42 anni e 10 mesi di contribuzione per gli uomini, 41 anni e 10 mesi per le donne:

  • la pensione anticipata con quota 100, qualora possiedano almeno 62 anni di età e 38 anni di contribuzione entro il 31 dicembre 2021 (il trattamento, per gli iscritti presso la gestione separata, deve essere giocoforza ottenuto in regime di cumulo, dal momento che l’obbligo contributivo è sorto soltanto dal 1996; è possibile riscattare dei periodi precedenti, ma si tratta di archi di tempo piuttosto circoscritti);
  • la pensione anticipata contributiva, con un minimo di 64 anni di età, 20 anni di contribuzione ed un trattamento almeno pari a 2,8 volte l’assegno sociale.

note

[1] Art. 1 Co. 239 e ss. L.228/2012, così come modificata dalla L.232/2016.

[2] Art.24 Co.10 DL 201/2011.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube