Diritto e Fisco | Articoli

Separazione: il marito può andar via di casa se la gelosia della moglie è intollerabile

11 Febbraio 2014
Separazione: il marito può andar via di casa se la gelosia della moglie è intollerabile

Nessun addebito per la separazione quando l’allontanamento dalla casa familiare è determinato da cause preesistenti che hanno reso intollerabile la convivenza.

È giustificabile il comportamento del marito che va via di casa se la moglie lo opprime con una eccesiva gelosia. In tali casi, quindi, l’allontanamento dal domicilio familiare non potrà dar luogo ad alcun “addebito (ossia alla dichiarazione di responsabilità, da parte del giudice, per la rottura del matrimonio).

Anzi, al contrario, il tribunale dovrà imputare l’addebito alla condotta della donna, in quanto contraria ai doveri del matrimonio. È ad essa, infatti, che si deve attribuire la causa effettiva dell’irreversibile crisi del rapporto fra coniugi.

Lo ha detto il Tribunale di Napoli in una recente sentenza [1].

Secondo i giudici partenopei, perché si possa attribuire l’addebito della separazione alla condotta di uno dei due coniugi è necessario provare due circostanze:

1) l’esistenza di uno o più comportamenti, posti in essere da parte di uno dei coniugi, volontariamente e consapevolmente contrari ai doveri del matrimonio;

2) che tale comportamento sia stato l’effettiva causa dell’intollerabilità della convivenza e del fallimento del matrimonio.

Pertanto, l’abbandono della casa coniugale, quando determinato dal comportamento intollerabile di uno dei due, non può dar luogo ad addebito. È, per esempio, l’ipotesi di un comportamento oppressivo e sin troppo geloso dell’altro coniuge, tale da renderlo insopportabile.

Se, infatti, l’allontanamento dalla casa coniugale si inserisce nell’ambito di un periodo in cui i coniugi litigano per varie ragioni (per es. per problemi economici o per la gelosia) esso non può essere ritenuto la causa della crisi coniugale, ma è solo la conseguenza di un clima di incompatibilità caratteriale.

Il regime della prova sulla domanda di mantenimento

Quanto al mantenimento, la sentenza precisa che il coniuge, cui non sia addebitabile la separazione, nel richiedere l’assegno di mantenimento, pur dovendo provare di non disporre di sostanze o redditi sufficienti, non è tenuto a darne dimostrazione specifica e diretta; è sufficiente che questi deduca, anche implicitamente, una condizione inadeguata a mantenere il precedente tenore di vita. All’altro coniuge non resta che contestare tale insufficienza di reddito, indicando beni o proventi che evidenzino l’infondatezza della domanda.


note

[1] Cass. sent. n. 11987/14.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube