Diritto e Fisco | Articoli

La buccia di banana per terra: se scivolo chi è responsabile?

11 Febbraio 2014
La buccia di banana per terra: se scivolo chi è responsabile?

Non è necessaria una intrinseca pericolosità della cosa per dar luogo a una responsabilità e quindi alla richiesta di risarcimento.

Anche una buccia di banana lasciata incustodita per terra può dare luogo a una richiesta di risarcimento e al conseguente obbligo di liquidare il danno patito dall’infortunato.

Sembra che la ricorrente gag dei cartoni animati sia tutt’altro che rara nella realtà: esistono sentenze che hanno deciso il caso di persone scivolate sulla buccia di frutta lasciata per terra o sulle foglie di lattuga sul pavimento di un supermercato. Come il caso deciso da una recente sentenza della Corte d’appello di Firenze [1].

Il dubbio è se un oggetto apparentemente innocuo e, per certi versi, anche visibile possa giustificare una richiesta di risarcimento. Secondo l’opinione dei giudici toscani la risposta è affermativa. In questi casi, il custode del bene (ossia il proprietario del locale o della strada su cui si trova l’insidia) è responsabile per le cose in custodia [2] anche se la causa del danno (la buccia di banana o la foglia di lattuga) non presenti, in sé, una intrinseca pericolosità.

Quindi, tutte le cose possono essere causa di danno, quale che sia la loro struttura o qualità, siano esse immobili o in movimento. Anche una foglia d’insalata o la buccia di un frutto, pur non avendo un’autonoma pericolosità, può essere idonea a produrre una lesione, quando la sua presenza diventa una insidia o un trabocchetto per il passante. E così è legittima la richiesta di un indennizzo per chi sia caduto al suolo procurandosi una ferita o una rottura di qualche arto.


note

[1] C. App. Firenze, sent. n. 851 del 25.05.2010.

[2] Art. 201 cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube