Diritto e Fisco | Articoli

Quanti non pagano il canone RAI?

13 Febbraio 2014
Quanti non pagano il canone RAI?

Canone, “solleciti” a quota 5 milioni.

Un quarto delle famiglie italiane non paga il canone Rai, ma l’agenzia delle Entrate e la Tv di Stato, che con i propri uffici gestisce il canone in convenzione con l’amministrazione finanziaria, non demordono: incrociando gli archivi degli “abbonati” con quelli delle anagrafi comunali hanno inviato oltre 5 milioni di lettere, 3 milioni di avvisi di pagamento e solleciti, 500mila cartelle e gli agenti Rai bussano ogni anno a 300mila porte per ispezioni e controlli.

I dati sono stati forniti ieri dall’agenzia delle Entrate in risposta alla domanda proposta nel question Time alla commissione Finanze della Camera da Filippo Busin (Lega Nord).

A pagare il canone sono 16,8 milioni di famiglie, e da questo dato l’amministrazione stima che siano 5,9 milioni i “morosi” all’appuntamento con la tassa di possesso. I problemi sono più intensi al Sud, e raggiungono il loro picco in Campania, dove il 43,2% delle famiglie non rientra fra gli abbonati, mentre in Sicilia il tasso è al 42,2 per cento.

La palma della Regione più virtuosa va invece alla Toscana, con un 84% di famiglie abbonate, seguita da Friuli Venezia Giulia e Alto Adige (82%), mentre il dato peggiore del Nord si incontra in Piemonte (26,8% di potenziali evasori).

Ma controlli a parte, per far fare al canone uno scatto in avanti e aiutare i conti Rai in difficoltà (come sottolineato dalla Corte dei conti in una relazione diffusa ieri: si veda l’articolo a pagina 43), secondo l’agenzia delle Entrate servirebbe una decisa rinfrescata al quadro normativo, che “risale al 1938 e risulta ormai oggettivamente obsoleto rispetto all’evoluzione tecnologica e sociale”.

Una norma sulla televisione nata quando c’era solo la radio Eiar, in effetti, fatica a tenere il passo di un’epoca di tablet, smartphone e “supporti” di ogni genere, spesso “atti o adattabili alla ricezione di segnale radiotelevisivo” come recita la norma. Una sua applicazione puntuale moltiplicherebbe i bollettini da pagare, ma i dati mostrano che per ora già il versamento da parte dei “soli” proprietari di televisione è un problema ancora lontano dalla soluzione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

    1. ADESSO, LO PAGANO TUTTI, PER UN SERVIZIO TOTALMENTE SCADENTE E FONTI FALZE DI INFORMAZIONE BEFFATI DA UNO STATO LADRONE INFAME ARROGANTE ENNESIMA TARTASSA ENNESIMA TRUFFA AL CITTADINO IN QUANTO CON LE TARTASSE TOTALI A FOTTERE IL CANONE E MOLTO ALTRO LO PAGHIAMO DA SEMPRE PANTALONE!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube