Droghe “leggere”: cosa cambia dopo la sentenza della Consulta sulla Fini-Giovanardi

13 Febbraio 2014 | Autore:
Droghe “leggere”: cosa cambia dopo la sentenza della Consulta sulla Fini-Giovanardi

Pene più leggere e prescrizione ridotta per chi spaccia droghe “leggere”, ma per avere chiarezza occorrerà attendere la prossima conversione del decreto “svuota-carceri”.

 

La Consulta ha dichiarato ieri l’incostituzionalità della legge Fini-Giovanardi [1] (ne abbiamo parlato nell’articolo: “Incostituzionale la legge Fini-Giovanardi”) che aveva parificato le pene per chi spaccia droghe “leggere” e “pesanti”. L’effetto “demolitore” di questa sentenza dipenderà tuttavia anche dal decreto “svuota-carceri” [2], di prossima conversione, che aveva già modificato la legge sulle stupefacenti.

Ecco cosa cambia certamente e cosa resta dubbio, specificando che gli effetti della sentenza della Corte costituzionale si avranno a partire dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ma con effetto retroattivo per i fatti commessi in precedenza.

Le pene prima del decreto “svuota-carceri”.

Prima dell’entrata in vigore del decreto “svuota-carceri” (23 dicembre 2013) la legge puniva con le stesse pene chi spacciava droghe leggere e pesanti.

La pena andava da un minimo di 6 a un massimo di 20 anni di reclusione e da un minimo di 26.000 € a un massimo di 260.000 € di multa [3].

Per i fatti di minore gravità (es. piccoli quantitativi di droga) la pena andava da 1 anno a 6 anni di reclusione e da 3.000 € a 26.000 € di multa [4].

Il termine massimo di prescrizione era il medesimo per tutte le ipotesi (25 anni).

Cosa è cambiato con il decreto “svuota-carceri”.

Il decreto “svuota-carceri” ha introdotto un reato autonomo per i fatti meno gravi e limitatamente a questi ha leggermente diminuito le pene.

La pena per i fatti di minore gravità va ora da 1 anno a 5 anni di reclusione e da 3.000 € a 26.000 € di multa.

La novità più rilevante è data dal fatto che per questi fatti – i più frequenti nelle aule di Tribunale – la prescrizione diminuisce di parecchio, scendendo dal precedente termine massimo di 25 anni a quello di 7 anni e mezzo.

La sentenza della Corte costituzionale del 12 febbraio 2014.

La sentenza della Consulta di ieri ha dichiarato l’illegittimità della legge Fini-Giovanardi che aveva parificato le pene per le droghe leggere e pesanti. Le pene quindi tornano ad essere quelle previste fino al 2005, secondo il seguente schema:

Droghe “pesanti”:

–  fatti di maggiore gravità: reclusione da 8 a 20 anni e multa da 50 milioni a 500 milioni di lire;

–  fatti di minore gravità: reclusione da 1 a 6 anni e multa da 5 milioni a 50 milioni di lire;

–  termine massimo prescrizione: 25 anni.

Droghe “leggere”:

–  fatti di maggiore gravità: reclusione da 2 a 6 anni e multa da 10 milioni a 50 milioni di lire;

–  fatti di minore gravità: reclusione da 6 mesi a 4 anni e multa da 2 milioni a 20 milioni di lire;

–  termine massimo prescrizione: 7 anni e mezzo.

Questo è il quadro delle pene per i reati commessi fino al 23 dicembre 2013, data di entrata in vigore del decreto “svuota-carceri”, con la conseguenza che chi ha un processo pendente per questi fatti potrà usufruire di una pena minore e dei termini ridotti di prescrizione, anche se è già stato condannato in primo o in secondo grado e la sentenza non è passata in giudicato.

Per i reati commessi successivamente occorrerà attendere l’intervento del Parlamento, che deve ancora convertire in legge lo “svuota-carceri”.

Se il decreto venisse approvato senza modifiche  ne verrebbe fuori un quadro confusionario, incerto e paradossale.

Si tornerebbe infatti ad avere la medesima pena, senza distinzione tra droghe “leggere” e “pesanti”, ma limitatamente ai fatti di minore gravità.

Per i fatti più gravi resterebbe la distinzione, con la paradossale conseguenza che per le droghe leggere si avrebbe una differenza di pena minima fra fatti gravi e meno gravi, mentre per le droghe pesanti si arriverebbe addirittura ad avere per i fatti minori una pena più bassa di quella previste per i fatti più gravi relativi a droghe leggere.

Occorrerà quindi attendere l’eventuale intervento del Parlamento, sperando altresì che la prossima pubblicazione delle motivazioni della sentenza della Corte costituzionale facciano chiarezza.


note

[1] Artt. 4 bis e 4 vicies ter D.L. n. 272/2005, convertito con modificazioni dall’art. 1 L. n. 49/2006.

[2] Art. 2 D.L. n. 146/2013.

[3] Art. 73 comma 1 D.P.R. n. 309/1990.

[4] Art. 73 comma 5 D.P.R. n. 309/1990.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube