Diritto e Fisco | Articoli

La riconciliazione dei coniugi

13 Febbraio 2014
La riconciliazione dei coniugi

La riconciliazione dei coniugi può avvenire nel corso del giudizio di separazione o anche dopo la sentenza di separazione; con essa l’unione coniugale si ricostituisce e se uno dei due coniugi si pente deve ripresentare nuovamente la richiesta di separazione.

La separazione dei coniugi non è irrevocabile. Marito e moglie possono fare un passo indietro e cancellare, di fatto, senza neanche bisogno dell’avvocato o di un procedimento davanti al giudice, la battaglia che si erano inizialmente fatti l’un l’altro. Insomma, è sempre possibile far cessare di comune accordo gli effetti della sentenza di separazione (sia essa giudiziale che consensuale).

In base alla nostra legge [1] i coniugi possono far cessare, di comune accordo, gli effetti della separazione con:

1) una dichiarazione espressa (orale o per iscritto) oppure

2) con un comportamento non equivoco che sia incompatibile con lo stato di separazione.

Tale dichiarazione o comportamento, quindi, cancellano tutti gli effetti della separazione, senza bisogno di andare in tribunale e revocare la sentenza emessa.

La riconciliazione potrebbe avvenire anche quando la causa di separazione è ancora in corso, così come nel caso in cui il giudice abbia già emesso la sentenza di separazione.

Dunque, come abbiamo visto, la procedura per riconciliarsi è molto semplice e non richiede particolari formalità. Ma affinché della precedente separazione non rimanga alcuna traccia è necessario che i coniugi seguano una particolare procedura.

Qual è la procedura esatta che i coniugi devono seguire?

I coniugi, muniti dei propri documenti di identità e della sentenza o dell’omologa (in caso di separazione consensuale) possono recarsi presso l’Ufficio dello Stato Civile del Comune presso cui è stato celebrato o trascritto il matrimonio.

Quindi la dichiarazione di riconciliazione, espressa dai coniugi, sarà annotata nell’atto di matrimonio.

Non è necessario che i coniugi vadano personalmente al Comune. È possibile anche trasmettere per posta o via fax la dichiarazione di riconciliazione.

La domanda, presentata in bollo con allegati i documenti di identità dei due coniugi, va indirizzata all’Ufficio dello Stato Civile del Comune dove è stato celebrato o trascritto il matrimonio.

Quali sono gli effetti della riconciliazione?

Nel momento in cui i coniugi si riconciliano viene ricostituita l’unione coniugale.

Se, successivamente, uno dei due coniugi si pente della riconciliazione stessa e vorrà nuovamente separarsi, dovrà presentare autonomo ricorso per la separazione. Infatti, tutte le condizioni presenti nel precedente ricorso hanno perso efficacia con la riconciliazione.

Sul punto si è espressa la Corte di Cassazione con una sentenza di qualche tempo fa [2].

Conciliazione per fatti concludenti

La riconciliazione può avvenire, come detto in precedenza, anche attraverso atteggiamenti concludenti, cioè fatti significativi che dimostrino una reale unione di intenti e di vita dei coniugi.

Di certo non sono sufficienti, perché si possa parlare di riconciliazione, i seguenti comportamenti:

– ripresa della convivenza, in via sperimentale e per un breve periodo;

– manifestazioni di buona volontà da parte di un coniuge con doni, elargizioni di denaro ed esecuzione di opere nella casa coniugale;

– ritorno del coniuge in famiglia solo per i fine settimana o in occasione delle vacanze;

– assistenza prestata attraverso visite giornaliere al coniuge separato bisognoso di cure;

– sporadica ripresa dei rapporti sessuali (anche con conseguente nascita di un figlio);

– convivenza dei coniugi nella stessa casa anche se dormono in camere da letto separate.


note

[1] Art. 157 cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 334 del 12.01.2012.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube