HOME Articoli

Lo sai che? Affitto: la caparra non può valere come canone dei mesi arretrati

Lo sai che? Pubblicato il 13 febbraio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 13 febbraio 2014

In una locazione abitativa è possibile convenire, nel corso della locazione, che l’importo incassato dal locatore in sede di stipula a titolo di caparra, venga messo invece in conto pagamento canoni ?  

Non poche volte capita che, all’avvicinarsi della scadenza della locazione, l’inquilino interrompa di pagare i canoni, pretendendo che il padrone di casa compensi tali morosità con la caparra a suo tempo versata all’inizio del rapporto di locazione.

Tale comportamento, però, non è consentito dalla legge. Salvo, infatti, diverso accordo, il deposito cauzionale non può essere imputato in conto canoni. Il deposito cauzionale – secondo la giurisprudenza prevalente – ha infatti una funzione di garanzia. In parole povere, essa è volta a tutelare il padrone di casa da eventuali danni trovati all’interno dell’appartamento o da differenze sul totale da corrispondersi.

Secondo i giudici, infatti, la cauzione serve per garantire il locatore dell’adempimento di tutti gli obblighi che incombono al conduttore: come, per esempio, nel caso in cui vengano trovati danni all’appartamento, ma anche per l’integrale pagamento della pigione. Essa è legalmente commisurata all’ammontare del canone.

Ma al di là di questa relazione, il deposito non può essere assimilato al canone. Esso è un “pegno irregolare” ossia una somma di denaro che passa in proprietà del locatore e sulla quale il conduttore vanta un credito non appena, venuta meno la funzione di garanzia (e quindi, scaduta la locazione e non essendovi ragioni per trattenere la cauzione), può chiederne la restituzione [1].

Solo pochi giudici ritengono che la cauzione possa essere compensata con i canoni [2].

Infine, nei contratti abitativi “liberi” (con durata di quattro anni più quattro) [3] inquilino e locatore possono accordarsi affinché il versamento di un determinato importo sia posto “in conto pagamento dei canoni”, in caso di morosità dell’inquilino.

note

[1] Cass. sent. n. 6941 del 5.06.1992.

[1] C. App. Milano sent. del 16 ottobre 1981.

[3] Di cui all’articolo 2, comma 1, della legge 431/1998.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Buonasera,
    Ho inviato regolare disdetta al Locatore con raccomandata a/r, con 3 mesi di preavviso a partire dal 1 aprile 2014 come da contratto per un appartamento dove risiedono i miei genitori dal 01.09.2013. Il contratto è un 4 + 4. L’appartamento sarà libero dal 01.07.2014. Per seri problemi economici non riesco più a fronteggiare il pagamento del canone e vorrei proporre al Locatore questa soluzione : lasciare immediatamente libero l’appartamento previo sopralluogo e verifica eventuali danni. Il Locatore si trattiene dalla cauzione la mensiltà di aprile e mi restituisce le 2 rate di cauzione. E’ fattibile? Grazie.

    1. Per ottenere consulenza legale/commerciale/fiscale da uno dei nostri professionisti è necessario attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al nostro portale. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

      Grazie.

  2. Il canone di locazione e il deposito cauzionale hanno finalità diverse per cui non ci può essere compensazione. Il canone di locazione corrisponde ad un servizio contrattualmente stabilito, il deposito cauzionale ha invece la funzione di garantire il proprietario da eventuali danni.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI