Diritto e Fisco | Articoli

Rumori molesti in condominio: la Cassazione interviene

21 gennaio 2012


Rumori molesti in condominio: la Cassazione interviene

> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 gennaio 2012



Il diffuso problema dei rumori nel condominio colpisce molte persone, costrette spesso a subire molestie sonore, a discapito di una vita serena.

Il regolamento condominiale può determinare gli orari entro cui svolgere attività rumorose. Esso può specificare quali siano le attività da evitare per garantire la pacifica convivenza e anche, derogando al codice civile in tema di immissioni rumorose [1], porre limitazioni maggiori rispetto alla legge. Pertanto, qualora vi sia un regolamento condominiale, la liceità o meno del rumore deve determinarsi sulla base del regolamento prima ancora che sulle previsioni normative.

Tuttavia quando il regolamento condominiale, le norme e i richiami dell’amministratore di condominio risultino inutili, è consigliabile rivolgersi alle istituzioni o contattare un avvocato che valuterà quali strade percorrere per risolvere il problema.

Il soggetto destinatario delle molestie può da solo e senza l’ausilio di un legale:

1) Presentare un esposto al Sindaco del comune di residenza, su carta semplice e consegnato alla segreteria comunale che provvederà a protocollarlo. L’esposto dovrà contenere le generalità della parte istante e quelle del vicino rumoroso, con l’indicazione degli orari e dei rumori che provocano molestia. È consigliabile aggiungere nell’esposto la richiesta di un confronto conciliatorio, al fine di redimere la lite in sede stragiudiziale;

2) Rivolgersi all’A.R.P.A. (Ente Regionale per la Protezione Ambientale), che provvederà a eseguire un sopralluogo per rilevare la quantità, in decibel, di rumore percepito nell’abitazione. Per mezzo di questo intervento, ci si può rendere conto se il livello di rumore è idoneo o meno a configurare un danno alla persona e se ci sono gli estremi per agire. Oltretutto tale rilevazione rimane come utile elemento probatorio da produrre in un’eventuale causa. Esiste un limite, stabilito dalla Corte di Cassazione [2], alle emissioni sonore nelle zone residenziali che equivale a 3 decibel.

Con l’intervento del legale, invece, si potrà valutare di percorrere una o più delle seguenti strade:

1) Inviare una diffida ad adempiere, nella quale s’invita il vicino rumoroso a non tenere condotte che possano turbare la tranquillità e la quiete;

2) Ricorrere al Giudice di Pace per chiedere l’inibizione delle immissioni rumorose. Una recente sentenza della Corte di Cassazione [3], la quale ha fatto notare come l’eccesso dei rumori che si propagano all’interno di un condominio possono risultare “nocivi per la salute umana” e per questo debbono essere rimossi. Nel caso di mancata rimozione scatterebbe il risarcimento del danno alla salute, in quanto bene costituzionalmente tutelato [4].

3) Nei casi di rumore continuo e potenzialmente lesivo per la salute del ricorrente, richiedere al giudice un procedimento d’urgenza [5], sempre quando la richiesta sia giuridicamente fondata (ossia, se i rumori siano tali da creare disturbo) e vi siano pericoli gravi e incombenti (irreparabilità, gravità ed imminenza del danno) [6];

4) Inoltrare richiesta di tutela penale [7]. Questa può chiedersi nei casi più gravi. La legge sanziona la condotta di molestie sonore con un ammenda fino a 309 euro oppure con la reclusione fino a 3 mesi;

5) Nel caso sia in corso un procedimento civile per porre fine alla condotta dannosa, richiedere al giudice, prima che questi emani la condanna, di stabilire una somma di denaro da corrispondere, a titolo di risarcimento danni, per ogni qual volta il vicino, pur dopo la sentenza, faccia rumori [8].

di dott. SALVATORE FRANCESCO PANZA


[1] Art. 844 c.c.: cfr. C. Cass. sent. del 07/01/2004, n.23, Trib. Bologna, sez. III, 11/05/2004.

[2] C. Cass. 09/06/2010, n. 24503.

[3] C. Cass. 14/12/2011, 26898.

[4] Art. 32 Cost.

[5] Art. 700 c.p.c.

[6] Trib. Napoli 24 aprile 2000, in Giur. Nap., 2000, pag. 324.

[7] Art. 659 c.p.

[8] Art. 614 bis c.p.c., introdotto dalla Legge 18 giugno 2009, n. 69.

Per l’importanza che riveste il caso, “La Legge per Tutti” ha ritenuto utile pubblicare qui di seguito la sentenza della Corte di Cassazione n. 26898 del 14/12/2011.

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PICCIALLI Luigi                                 –  rel. Presidente   –

Dott. BURSESE   Gaetano Antonio              –  Consigliere  –

Dott. BIANCHINI Bruno                              –  Consigliere  –

Dott. BERTUZZI  Mario                                –  Consigliere  –

Dott. GIUSTI    Alberto                                  –  Consigliere  –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

O.I. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in  ROMA, VIA  DI  SANTA  COSTANZA  46, presso lo studio dell’avvocato MANCINI LUIGI, che la rappresenta e difende giusta procura speciale a margine del ricorso;                                                                                                            – ricorrente –

e contro

CONDOMINIO    (OMISSIS),   in   persona   dell’Amministratore, elettivamente domiciliato in ROMA PIAZZA CAVOUR presso la CASSAZIONE, rappresentato  e  difeso  dall’avvocato  GIUNTI  ANDREA  GINO  giusta procura notarile Dott. Antonio Marzani di Aosta del 16/11/11 rep.  n. 15545 allegata in atti;                                                                                             – resistente –

avverso la sentenza n. 1753/2009 della CORTE D’APPELLO di TORINO  del 4/12/09, depositata il 29/12/2009;

udita  la relazione della causa svolta nella camera di consiglio  del 18/11/2011 dal Consigliere Dott. LUIGI PICCIALLI;

udito  l’Avvocato  Giusti  Andrea difensore  del  resistente  che  si riporta  agli  scritto e chiede l’inammissibilità o il  rigetto  del ricorso;

è  presente  il P.G. in persona del Dott. PIERFELICE PRATIS  che  ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

FATTO E DIRITTO

A seguito di ricorso proposta da O.I. nei confronti del Condominio (OMISSIS), ad oggetto della sentenza n. 1753 della Corte d’Appello di Torino del 4/29-12-2009, il consigliere designato per l’esame preliminare depositava la relazione ex art. 380 bis c.p.c. del 7.6.11, che di seguito si trascrive. “Il relatore, letti gli atti relativi al ricorso di cui sopra premesso che con la sentenza impugnata la corte torinese, in totale riforma della decisione di primo grado, che aveva accolto la domanda ex art. 844 c.c. della condomina O., condannando il condominio all’esecuzione di lavori diretti a contenere la rumorosità dell’impianto dell’ascensore ed al risarcimento dei danni, ha invece rigettato la domanda stessa, ritenendo alla fattispecie non direttamente applicabili i criteri fissati dalle norme contenute di D.P.C.M. del 14 novembre 1997 e del 5.12.97, e nel contempo, pur assumendo che quale parametro comparativo il livello di rumorosità massima fissato nel secondo dei suddetti decreti ha tuttavia escluso la sussistenza in concreto dell’intollerabilità dei rumori prodotti dal suddetto impianto, segnatamente nelle fasi di apertura e chiusura delle porte e nelle ore notturne;

ritenuto che il ricorso, deducente nell’unico motivo “violazione dell’art. 844 c.c., insufficienza e/o contraddittorietà della motivazione”, ove risulti provato il perfezionamento della relativa notificazione, sia da accogliere per palese fondatezza, poichè la corte di merito, pur avendo dato atto, come aveva fatto il primo giudice sulla scorta degli accertamenti tecnici compiuti, che il livello di rumorosità, misurato secondo i criteri tecnici fissati dalla citata recente normativa per i nuovi impianti superava i limiti di accettabilità, da una parte ha ritenuto tali norme non direttamente applicabili alla controversia in quanto sopravvenute alla costruzione del fabbricato ed all’installazione dell’ascensore, e dall’altra, convenendo di dover comunque assumere quali parametri valutativi ai fini della tollerabilità i livelli in esse contenuti, ha tuttavia concluso che il superamento di “soli 0,8 Db(A)” di quello massimo fissato nel secondo dei sopra citati D.P.C.M., non fosse dì per sè sufficiente ad integrare l’intollerabilità dei rumori lamentati, anche in considerazione delle circostanze che gli stessi erano discontinui e rari in periodo notturno, che l’attrice era risultata essere un soggetto particolarmente sensibile ai rumori ed avrebbe dovuto valutare, all’epoca dell’acquisto dell’appartamento, le condizioni acustiche dell’impianto e delle mura dell’immobile;

ritenuto che tali argomentazioni si pongano in palese contrasto con i principi, ormai costanti nella giurisprudenza di questa Corte, secondo cui il contenimento delle emissioni, di qualsiasi genere, entro i livelli massimi fissati dalle normative di tutela ambientale e nell’interesse della collettività, non costituisce circostanza sufficiente ad escludere in concreto l’intollerabilità delle correlative immissioni ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 844 c.c., mentre, per converso, il superamento i detti livelli, da assumersi quali criteri minimali di partenza ai fini del giudizio di tollerabilità o meno, deve ritenersi senz’altro illecito (tra le altre v. Cass. nn. 939/11, 5564/10, 14186/06);

considerato pertanto che la diretta ed immediata esposizione, in ragione della vicinanza, alle fonti di emissione acustica, ove queste siano superiori a quelle normativamente fissate a tutela indifferenziata della collettività, giustifica in ogni caso il vicino a chiedere la tutela inibitoria e risarcitoria;

rilevato che, nel caso di specie, il giudice di merito, pur avendo dato atto che l’impianto de quo continuava a funzionare producendo rumori che, seppure alla stregua di normativa sopravvenuta alla costruzione dell’immobile e dell’impianto, erano da presumersi nocivi per la salute umana, alla cui salvaguardia dette norme sono essenzialmente finalizzate e la cui tutela, costituzionalmente garantita, costituisce comunque criterio direttivo preminente nel bilanciamento, ai fini dell’art. 844 c.c. degli opposti interessi (v. Cass. nn. 5564/10, 811/06); sicchè non poteva costringesi la odierna ricorrente, sol perchè “particolarmente sensibile”, a continuare a tollerare immissioni che, seppur discontinue, erano da presumersi dannose (si pensi alle conseguenze di improvvisi risvegli notturni, anche per persone in normali condizioni di salute psico-fisica;

considerato, infine, che la circostanza, secondo cui la ricorrente si sarebbe opposta a composizioni della controversia comportanti lavori di in sonorizzazione delle pareti dei muri prossimi all’impianto, non sia di per sè sufficiente e far ritenere insussistente la responsabilità ex art. 844 c.c., quanto meno ante causam, del condominio, tanto più che non è chiaro se ed in quale misura dette opere avrebbero riguardato strutture condominiali e/o di proprietà della ricorrente, potendo al più rilevare ai fini di un’eventuale attenuazione, ex art. 1227 c.c., della responsabilità risarcitoria;

sulla scorta delle suesposte considerazioni, il relatore propone l’accoglimento del ricorso e la conseguente cassazione con rinvio della sentenza impugnata”.

Tanto premesso, il collegio, vista la memoria adesiva diparte ricorrente e dato atto della documentata regolare instaurazione del contraddittorio;

sentito in camera di consiglio il difensore del resistente condominio, costituitosi con procura autenticata;

viste le conclusioni del P.G. conformi alla relazione;

ritenuto di condividere integralmente le ragioni della proposta del relatore, cui non sono state opposte convincenti argomentazioni dalla difesa del resistente;

considerato, in particolare, che i limiti normativi di rumorosità da osservarsi nella costruzioni degli impianti di ascensore, ancorchè sopravvenuti alla realizzazione dell’edificio ed alla installazione dell’ascensore, in quanto evidentemente finalizzati a contenere l’impatto acustico nell’ambito di ambienti circoscritti (quali i fabbricati condominiali), a salvaguardia del diritto alla salute delle persone direttamente esposte alle emissioni in questione, ben possono essere assunti quali obiettivi parametri, ai fini del giudizio ex art. 844 c.c. di tollerabilità delle immissioni, valutazione che va compiuta all’attualità;

richiamata e ribadite, per il resto, le argomentazioni esposte nella relazione;

ne recepisce la proposta conclusiva e rimette al merito il regolamento delle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del presente giudizio, ad altra sezione della Corte d’Appello di Torino.

Così deciso in Roma, il 18 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 14 dicembre 2011


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

2 Commenti

  1. Si può considerare reato un condomino che usa La Freccia (elettrodomestico )il quale è rumorosissimo ,per lavarsi la macchina e cose varie ,nello spazio condominiale..?posso agire anche da sola contro di lui ,o serve l appoggio di altri condomini ?

  2. Salve vorrei esporre il mio problema nel condomino per sapere a chi devo rivolgermi e cosa fare. sono circa sei mesi che l’inquilino di sotto al mio appartamento avendo un grande locale con passo carrabile, ha iniziato i lavori ed è un rumore fortissimo di seghe che tagliano , botti di tutti tipi, operai che urlano bivaccano fumano e tutto cio a tutte le ore del giorno (sotto le camere da letto di tutti gli appartamenti) dalle 6 30 del mattino fino alle 300 di notte ed oltre ,compresi sabato e domenica e le feste. le regole del condominio non esistono . per illustrare ulteriormente il quadro, camion mezzi macchine e moto sul passo carrabile( con tubi montarozzi di terra ed altro che intralciano il passaggio dei pedoni sul passo carrabile loro) del nostro condominio dove dobbiamo entrare ed uscire con le macchine. dire qualcosa anche se garbatamente non serve e soprattutto a tutta la loro inciviltà manifestano arroganza ed atteggiamenti lesivi con parolacce ed altro. ho gia fatto 3 anni fa un esposto perché aveva messo un motorino che faceva un rumore impossibile, inoltre devo tenere chiuse le finestre perché entra di tutto oltre a polveroni,hanno istallato i fumi delle caldaie sotto la mia camera da letto! è possibile chiedere in questa situazione danni sulla salute, non posso mai riposare o dormire, morali ecc potete darmi delle direttive per procedere nel migliore dei modi? vi ringrazio.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI