Vaccino Covid: come sapere online quando è il proprio turno

22 Febbraio 2021 | Autore:
Vaccino Covid: come sapere online quando è il proprio turno

Un calcolatore sviluppato da una startup polacca indica la data della somministrazione, dopo aver inserito alcune informazioni personali.

Si chiama Omni Calculator, dal nome della società che lo ha creato, e promette di stimare precisamente il tempo che separa ognuno dal giorno del vaccino contro il Coronavirus.

È un semplice calcolatore online, disponibile in più lingue e gratuitamente sul sito Internet omnicalculator.com. Per andare sulla pagina in italiano basta scrivere nella barra di ricerca del proprio browser «calcolatore vaccino Italia» e cliccare sul primo risultato.

L’interfaccia è semplice e senza fronzoli, il che rende l’utilizzo della piattaforma davvero intuitivo. Per sapere quando si verrà vaccinati contro il Covid è sufficiente inserire alcune informazioni:

  • la propria età;
  • se si è operatore sanitario;
  • se si è ospite o lavoratore in una rsa;
  • se si è incinte;
  • se si soffre di una delle patologie indicate in due elenchi che fanno riferimento a chi è considerato estremamente vulnerabile o a elevato rischio clinico (tra queste malattie: il diabete, la fibrosi cistica, l’obesità grave, l’insufficienza renale e molte altre);
  • se si fa parte di specifici gruppi, quali forze armate e di polizia, personale penitenziario e dei luoghi di comunità, personale scolastico e universitario, altri servizi essenziali.

Una volta data la risposta a questi quesiti, il calcolatore si pronuncia. È possibile che sia maggiormente interessato a utilizzarlo chi vede ancora come molto lontana la vaccinazione dal Covid, non rientrando nelle categorie prioritarie.

Chi scrive questo articolo, per esempio, ha 33 anni; digitando le proprie informazioni personali sul calcolatore il responso è il seguente: «Prendendo in considerazione il tuo profilo, ci sono tra 21.227.196 e 34.577.605 persone davanti a te nella coda per il vaccino in Italia. Prendendo in considerazione il tasso di vaccinazione pari a 1.166.000 a settimana e il tasso di copertura vaccinale pari a 70.8%, dovresti ricevere la prima dose tra 4/11/2021 e 13/4/2022. Invece la seconda dose ti dovrebbe essere somministrata tra 25/11/2021 e 4/5/2022.».

Lo scarto è così ampio perché il calcolatore non può sapere se si verrà vaccinati per primi o per ultimi, quindi fornisce gli estremi dell’intero lasso di tempo per la categoria cui il cittadino appartiene, secondo le indicazioni del ministero della Salute italiano. In questo caso, la categoria di appartenenza è la numero 6: persone tra i 18 e 54 anni senza condizioni che aumentano il rischio clinico.

Omni Calculator fa anche presente che, a chi è in questa categoria, «potrebbe essere somministrato il vaccino di AstraZeneca e perciò potresti ricevere la tua dose prima, a seconda della disponibilità». Naturalmente il calcolo è puramente orientativo, dato che la piattaforma non può tenere conto di imprevisti o del ritardo di una regione rispetto ad altre.

Il computo si basa sull’andamento delle somministrazioni e sul tasso di copertura finale della popolazione. Informazioni che sono i Governi a dare, quindi quanto più comunicheranno dati veri, tanto più la piattaforma potrà fare previsioni accurate.

Omni Calculator, comunque, è tutto sommato affidabile, considerata anche la completezza delle informazioni che fornisce riguardo alla gestione dell’emergenza sanitaria nel Paese cui si riferisce.

Per esempio, nella colonna di destra vengono riportate alcune spiegazioni su «quali sono le fasi» del piano vaccinale dello Stato considerato «e le relative categorie», «chi non dovrebbe essere vaccinato» e poi indicazioni pratiche su come usare il calcolatore.

Il progetto di Omni Calculator, inoltre, è curato da scienziati: la matematica Anna Szczepanek, ricercatrice dell’Università Jagellonica di Cracovia, e l’italianista Anna Wójcicka, consulente linguistica.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube