L’esperto | Articoli

Prescrizione crediti condominio: ultime sentenze

15 Aprile 2021
Prescrizione crediti condominio: ultime sentenze

Il credito relativo alle spese condominiali ordinarie e straordinarie e l’eccezione di prescrizione. 

Quando si prescrivono le spese condominiali?

Le spese condominiali hanno natura periodica, sicché il relativo credito è soggetto a prescrizione quinquennale ex art. 2948, n. 4, c.c., con decorrenza dalla delibera di approvazione del rendiconto e dello stato di riparto costituente il titolo nei confronti del singolo condomino.

Tribunale Roma sez. V, 10/03/2020, n.5004

Condominio: prescrizione del credito vantato dal singolo

A seguito delle deliberazioni dell’assemblea condominiale, il credito vantato dal singolo condomino trova titolo nelle deliberazioni medesime e non nel fatto illecito, con conseguente esclusione della prescrizione quinquennale.

Tribunale Roma, 02/03/2020, n.4477

Credito risalente a più di 5 o 10 anni addietro

In tema di crediti condominiali, se all’eccezione di prescrizione del credito risalente a più di cinque o (a seconda dei casi) dieci anni addietro sia ribattuto con l’allegazione che lo stesso figura anche nei rendiconti successivi regolarmente approvati e il condomino obbligato contesti la circostanza ovvero impugni il titolo siccome non validamente formato (almeno nei suoi confronti), allora soltanto il condomino creditore è onerato della prova della reiterata approvazione (o delle reiterate approvazioni) o (se del caso) anche della rituale convocazione del debitore alle relative assemblee.

Tribunale Roma sez. V, 14/10/2019, n.19610

La prescrizione quinquennale

Le spese condominiali hanno natura periodica, sicché il relativo credito è soggetto a prescrizione quinquennale ex art. 2948 n. 4, c.c., con decorrenza dalla delibera di approvazione del rendiconto e dello stato di riparto, costituente il titolo nei confronti del singolo condomino.

Cassazione civile sez. II, 25/02/2014, n.4489

Da quando decorre la prescrizione del credito?

L’obbligazione in base alla quale ciascuno dei condomini è tenuto a contribuire alle spese per la conservazione e manutenzione delle parti comuni dell’edificio, qualora la ripartizione delle spese sia avvenuta soltanto con l’approvazione del rendiconto annuale dell’amministratore, ai sensi dell’art. 1135 n. 3 c.c., sorge soltanto dal momento dell’approvazione della delibera assembleare di ripartizione delle spese. Ne consegue che la prescrizione del credito nei confronti di ciascun condomino inizia a decorrere soltanto dalla approvazione della ripartizione delle spese e non dall’esercizio di bilancio.

Giudice di pace Palermo sez. VIII, 15/11/2011

Ripartizione delle spese in condominio

In tema di spese per la conservazione e manutenzione delle parti comuni dell’edificio, tutte le decisioni di spesa assunte dall’amministrazione condominiale devono intendersi comunque ratificate dall’assemblea – e con effetto retroattivo – ove questa successivamente approvi la ripartizione delle spese. Ne consegue che è soltanto da quel momento (e non dall’esercizio di bilancio) che la prescrizione del credito nei confronti di ciascun condomino inizia a decorrere.

Giudice di pace Palermo sez. VIII, 07/10/2010

Spese, manutenzione e riparazioni

L’obbligazione in base alla quale ciascuno dei condomini è tenuto a contribuire alle spese per la conservazione e manutenzione delle parti comuni dell’edificio, qualora la ripartizione delle spese sia avvenuta soltanto con l’approvazione del rendiconto annuale dell’amministratore, ai sensi dell’art. 1135 n. 3 c.c., sorge soltanto dal momento della approvazione della delibera assembleare di ripartizione delle spese. Ne consegue che la prescrizione del credito nei confronti di ciascun condomino inizia a decorrere soltanto dalla approvazione della ripartizione delle spese e non dall’esercizio di bilancio.

Cassazione civile sez. II, 05/11/1992, n.11981



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube