Diritto e Fisco | Articoli

Dopo 5 anni i condannati possono aprire un’attività

17 Febbraio 2014
Dopo 5 anni i condannati possono aprire un’attività

Dopo la condanna, anche con decreto penale, per poter aprire una attività di vendita e di somministrazione di alimenti e bevande c’è bisogno di cinque anni o della riabilitazione.

Non può esercitare un’attività di vendita e di somministrazione il soggetto che è stato condannato con decreto penale, salvo che siano trascorsi cinque anni dal giorno in cui la pena è stata scontata oppure che nel frattempo sia stata concessa la riabilitazione.

Il decreto penale è un provvedimento del giudice emesso a seguito di un procedimento speciale ed è pertanto equiparato a una sentenza di condanna, salvo che il reo non faccia opposizione e vinca il successivo processo che si apre a seguito dell’opposizione stessa.

Non possono esercitare l’attività commerciale di vendita e di somministrazione coloro che sono sottoposti a misure di prevenzione oppure a misure di sicurezza.

Il divieto di esercizio dell’attività commerciale (con la sola esclusione dei soggetti dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza) permane per la durata dei cinque anni dal giorno in cui la pena è stata scontata.

Il decorso dei cinque anni non è sufficiente nel caso di dichiarazione di abitualità, professionalità o tendenza a delinquere. In questo caso è obbligatorio ottenere il provvedimento di riabilitazione.

Con riferimento alla necessità o meno di un provvedimento di riabilitazione per eliminare gli effetti ostativi all’avvio e all’esercizio dell’attività commerciale, i tecnici del Ministero dello Sviluppo Economico [1] hanno chiarito che il provvedimento riabilitativo è condizione necessaria quando lo stato di inabilità derivi dalla dichiarazione di abitualità, professionalità o tendenza a delinquere. E il provvedimento di riabilitazione non è sostenibile nelle altre ipotesi.


note

[1] Ministero Economia, risoluzione dell’8.01.2014 n. 1424 e n. 1368.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Buongiorno, avrei bisogno di sapere se con precedenti penali posso fare P.iva come artigiano grazie

  2. sono un ex detenuto e vorrei sapere se posso rilevare un attività commerciale, o aprirne una nuova, e se ci sono finanziamenti per darmi l opportunità di un rinserimento nella società.

  3. Salve ho scontato la mia pena da più di 5 anni ma purtroppo ho in corso 2 procedure penali ma nulla a che vedere con il reato precedente ora e possibile aprire un negozio di fruttivendolo

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube