Diritto e Fisco | Articoli

Come si richiede la visura ipotecaria per immobile?

2 Luglio 2021 | Autore:
Come si richiede la visura ipotecaria per immobile?

Dove andare a cercare i dati sull’immobile di proprietà o su quello che si sta per acquistare. A cosa serve l’ispezione e quanto costa.

Uno dei passi fondamentali da compiere prima di comprare casa è quello di chiedere una visura ipotecaria. Serve ad evitare delle brutte sorprese dopo aver firmato l’accordo preliminare o, peggio ancora, il rogito: in pratica, si tratta di verificare se sull’immobile oggetto dell’acquisto ci sono altri atti di compravendita, un’ipoteca, il rischio di pignoramento, ecc. Insomma, e per utilizzare un’espressione da film poliziesco, se la casa «ha la fedina pulita». Non solo: questa pratica consente anche di conoscere tutto il passato dell’immobile, da quando è stato costruito al momento in cui, ora, viene proposto sul mercato.

Ma come si richiede la visura ipotecaria per immobile? L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione di chi ne ha titolo per fare la richiesta di visura due opzioni: una, quella di recarsi in una delle sedi «fisiche» dell’Agenzia. L’altra, accedendo all’apposito servizio online. Ci sono anche delle società private che svolgono questo servizio telematico.

Vediamo di seguito nel dettaglio a che cosa serve una visura ipotecaria e come si richiede sia di persona sia via Internet.

Visura ipotecaria: che cos’è?

Tre nomi per un solo concetto: visura ipotecaria, visura ipocatastale, ispezione ipotecaria. La si chiami come si vuole, tutte e tre indicano i controlli da effettuare presso gli Uffici di Pubblicità Immobiliare (una volta noti come Conservatoria dei Registri Immobiliari) per avere accesso a tutti gli atti che riguardano una casa o un edificio.

Può essere richiesta sia dal proprietario dell’immobile sia da chi sta per acquistarlo.

Visura ipotecaria: a che serve?

Come anticipato, la visura ipotecaria consente di conoscere passato e presente di una casa. Chi ne è già proprietario può vedere tutta la storia dell’immobile, da quando ha ottenuto i permessi per la costruzione fino al giorno di oggi: quali sono gli atti di compravendita che si sono succeduti (nel caso abbia avuto precedentemente altri proprietari), se c’è stato un atto di donazione, ecc.

La richiesta di una visura ipotecaria, però, forse è più utile a chi la casa la deve acquistare. Immagina, per esempio, di aver raggiunto un accordo per comprare un immobile e che, ad un certo punto, resti senza la casa perché aveva delle pendenze di sorta, perché i passaggi di proprietà non sono stati fatti in maniera regolare, perché fa parte di un’eredità e può spuntare qualcuno che la pretende, perché è sottoposto a sequestro ma nessuno te l’aveva mai detto, perché c’è un’ipoteca o un atto di pignoramento in corso.

Ecco, per evitare situazioni come questa, è opportuno richiedere la visura ipotecaria. Senza dimenticare che in questo modo puoi sapere anche chi c’è effettivamente dietro la proprietà dell’immobile che stai per acquistare, vale a dire se chi te la vuole vendere perché dice di esserne il proprietario lo è veramente.

Visura ipotecaria: come si fa?

È possibile richiedere la visura ipotecaria in diversi modi. Se la pratica di acquisto della casa la sta seguendo un agente immobiliare, puoi chiedere a lui di farla per conto tuo. Ci sono anche delle società reperibili su Internet che offrono questo tipo di servizio. Attento, però, ad acquistare una singola visura: non manca chi, senza che tu te ne accorga, ti rifila un abbonamento mensile a pagamento.

Ad ogni modo, l’Agenzia delle Entrate ti mette a disposizione sia i propri sportelli sia una procedura online per ottenere la visura. Vediamo come funziona.

Visura presso lo sportello delle Entrate

Lo sportello dell’Agenzia delle Entrate è a disposizione di chi vuole richiedere una visura ipotecaria dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 13. Nell’ultimo giorno lavorativo del mese, l’orario è limitato alle 11.00. Nei singoli uffici territoriali, ci può essere anche l’apertura pomeridiana: conviene, quindi, consultare gli orari dell’ufficio di competenza.

Per chiedere la visura, bisogna presentarsi con il modello 310, cioè quello dedicato a questo tipo di pratica. Chi non ha molta dimestichezza con queste cose burocratiche, può anche compilare e consegnare il modello 310 semplificato. I moduli sono reperibili online presso il sito dell’Agenzia ma anche in formato cartaceo allo sportello. Tuttavia, puoi scaricare a questi link il modello 310 oppure il modello 310 semplificato.

Visura online sul sito dell’Agenzia

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione sul proprio sito (agenziaentrate.gov.it) il servizio telematico «Consultazione personale» per accedere alla banca dati ipotecaria per effettuare la visura sull’immobile desiderato. Per la consultazione, è necessario essere registrati ai servizi telematici Entratel/Fisconline.

Il servizio consente l’accesso anche se il richiedente non è titolare neanche in parte dell’immobile. La ricerca interessa gli immobili di tutto il territorio nazionale ad eccezione delle province di Trento, Bolzano, Trieste, Gorizia e delle altre zone nelle quali vige il sistema tavolare. I documenti sono forniti su file in formato pdf.

Unico limite: non è possibile effettuare una visura di dati relativi a periodi precedenti l’informatizzazione di un ufficio.

Visura ipotecaria: quanto costa?

Al di là dei prezzi applicati dalle agenzie immobiliari o dalle società private che effettuano la ricerca, richiedere una visura ipotecaria tramite l’Agenzia delle Entrate ha un costo pari a 9,45 euro per ogni nominativo oggetto della ricerca. Se nell’elenco sintetico relativo al soggetto sono presenti più di 30 formalità, sono corrisposti ulteriori 4,73 euro per ogni gruppo di 15 formalità. Per ogni formalità consultata, sono dovuti 5,40 euro.

Il pagamento va fatto tramite il sistema pagoPA. Le commissioni applicate sono variabili in base al Prestatore di Servizi di Pagamento (PSP) e allo strumento di pagamento scelto.

I documenti richiesti – precisa l’Agenzia – sono disponibili fino a 7 giorni dal pagamento. Trascorso questo tempo, non sarà più possibile visualizzarli e prelevarli.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube