Patente sul vaccino: perché è anticostituzionale

25 Febbraio 2021
Patente sul vaccino: perché è anticostituzionale

Secondo gli esperti, rischia di ledere l’articolo 3 della Carta fondamentale, che prevede che tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge.

Il patentino che attesta che si è vaccinati contro il Coronavirus, ora come ora, sarebbe discriminatorio. È l’opinione del costituzionalista Alfonso Celotto, docente all’Università degli studi di Roma Tre.

Il professore ritiene che, stando così le cose, con alcuni cittadini che hanno potuto ricevere il vaccino perché inseriti in categorie prioritarie e altri che dovranno aspettare il loro turno ancora per mesi, il dibattito sulla patente di immunità sia quanto meno prematuro.

«Penalizzare i non vaccinati al Covid con il patentino è possibile solo dopo aver messo a disposizione di tutti il vaccino; creerebbe altrimenti cittadini di serie A e serie B, soprattutto perché a oggi il vaccino non è disponibile per tutti», ha dichiarato Celotto all’agenzia di stampa Adnkronos.

Se ne parla da tempo, ormai. L’idea è quella di dotare i vaccinati di un certificato che funga da lasciapassare per attività come, per esempio, i viaggi all’estero. Celotto sottolinea come anche organismi sovranazionali si siano pronunciati per il “no” alla patente d’immunità: «La discriminazione – spiega il professore – è confermata dal Consiglio d’Europa nella sua ultima risoluzione sul tema, a gennaio scorso».

«Essendo i vaccini ancora non disponibili per tutti occorre fare una graduazione nel tempo – continua il docente di Diritto costituzionale -. Giusto che scelga il Parlamento, dunque una scelta politica, ma comunque occorre ragionevolezza nella scelta, nel senso che vanno tutelate prima le categorie più essenziali al funzionamento del Paese, come è stato per i sanitari».

Questo però implica un’attesa da parte di persone non incluse nelle fasce prioritarie della popolazione, individuate dal ministero della Salute. Sarebbero loro i discriminati, a detta del costituzionalista, perché subirebbero una serie di limitazioni, come ad esempio quella di viaggiare, in forza del mancato possesso del patentino. Ma averlo, al momento, non dipende esclusivamente dalla loro volontà, perché il vaccino per loro, adesso, non c’è.

«Se il siero anti-Covid fosse disponibile per tutti – prosegue Celotto – potrebbe essere reso obbligatorio da una legge e dunque potrebbe essere sanzionato chi non lo effettua. Nel caso italiano, conseguenze sfavorevoli ai non vaccinati possono essere predisposte a condizione che ci siano vaccini per l’intera popolazione altrimenti si attiverebbe una discriminazione sulla base delle categorie predisposte dal Parlamento. Una violazione dell’articolo 3 della Costituzione, perché differenzierebbe i cittadini per condizioni personali e sociali».

Diversamente, in altri Paesi, ci sono dosi a sufficienza per coprire l’intera popolazione. Qui, dunque, la patente di immunità può avere un fondamento. «Sì all’obbligo e ai patentini in Israele, dove i vaccini ci sono per tutti ma non in Italia – rimarca il professore, esperto di Costituzione – dove, essendo garantite la preminenza di diritto all’uguaglianza e alla parità del trattamento, una misura del genere è incostituzionale».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube