HOME Articoli

Le Guide Impugnare una cartella di pagamento Equitalia: se il destinatario non c’è

Le Guide Pubblicato il 18 febbraio 2014

Articolo di




> Le Guide Pubblicato il 18 febbraio 2014

Vizi di forma e di sostanza: ecco un elenco di tutte le eccezioni che potrete sollevare se vi dovesse essere notificata una cartella esattoriale da parte dell’Agente per la riscossione.

>> CONTINUA: VAI ALLA PAGINA PRECEDENTE <<

Terzo trucco: se non vi ricordate di aver mai firmato alcunché

Sappiate che se non vi ricordate di aver mai firmato nulla, ciò non significa per forza che nessuno abbia mai provato a notificarvi una cartella. La legge, infatti, consente di ritenere ugualmente e regolarmente consegnati degli atti che invece, di fatto, non lo sono stati per irreperibilità del destinatario o sua assenza momentanea.

Poniamo, per esempio, il caso in cui voi siate stati fuori per qualche mese oppure non abbiate ritirato la posta perché ricoverati in ospedale per una settimana; poniamo anche che, nel vostro stesso appartamento, non vi sia stato alcun familiare convivente a firmare per conto vostro la posta e, ancora, che neanche il portiere abbia accettato corrispondenza per voi. Ebbene, questo non vuol dire che, in ipotesi di questo tipo, il postino non vi possa notificare la cartella.

Sappiate infatti che il postino dovrà seguire una procedura specifica, all’esito della quale la notifica si considererà ugualmente completata, pur in vostra assenza. Egli dovrà depositare la raccomandata a voi indirizzata presso la Casa Comunale e darvi successivo avviso della giacenza spedendovi una raccomandata con avviso di ricevimento. Se siete assenti anche nel momento in cui l’avviso di giacenza vi viene notificato, esso dovrà essere affisso alla porta d’ingresso della vostra abitazione oppure immesso nella cassetta postale della vostra abitazione oppure in quella del vostro ufficio o della vostra azienda.

Se queste formalità non sono state rispettate, sappiate che la notificazione della cartella è nulla.

Pertanto, quello che vi consigliamo di fare è di verificare che nella vostra cassetta della posta non vi sia qualche avviso di raccomandata da voi non ritirata.

Se così non dovesse essere, potrete sempre controllare, tramite una richiesta di “accesso agli atti”, presso gli uffici di Equitalia, che tutta questa procedura sia stata correttamente eseguita.

In pratica, dovrete verificare che il postino abbia tentato di consegnarvi la posta e che, in difetto, l’abbia depositata presso la Casa Comunale, spedendovi una seconda raccomandata (per come appena detto).

Di tutti questi atti vi deve essere necessariamente copia presso Equitalia e quest’ultima è tenuta a darvene visione.

Per approfondimenti, puoi leggere l’articolo: “Cambia la cartella di pagamento Equitalia: non si sfugge alla notifica”.

Quarto trucco: se non sono indicati gli interessi o manca il tasso.

La cartella di pagamento deve obbligatoriamente contenere una dettagliata indicazione delle modalità con cui gli interessi sono stati calcolati e dei relativi tassi. In mancanza, la cartella che vi è stata recapitata è interamente nulla.

Nel dettaglio degli addebiti – che costituisce una delle pagine che compongono la cartella – dovrete quindi trovare anche il dettaglio del calcolo degli interessi che vi vengono richiesti in pagamento e degli specifici tassi applicati.

Non è sufficiente, invece, l’indicazione della cifra globale degli interessi e non siete nemmeno tenuti, come contribuenti, a fare complicati calcoli o indagini per ricostruire il modo in cui l’Agenzia delle Entrate ha calcolato gli interessi per i singoli anni di tassazione.

Qualora, quindi, manchino queste indicazioni dettagliate relative agli interessi che vi vengono addebitati, sappiate che la cartella, come detto, è nulla e che questo vizio potrà essere fatto valere davanti al Giudice.

Per approfondimenti, puoi leggere l’articolo: “Interessi di mora su atti di equitalia e agenzia entrate: come funzionano

>> CONTINUA: VAI ALLA PAGINA SUCCESSIVA <<


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Gentile Avvocato, potrebbe indicare anche i riferimenti normativi? Sono particolarmente interessata al “quarto trucco”.
    Grazie

    1. I riferimenti normativi si trovano agli articoli linkati in blu all’interno del testo. Sono tutti in nota

  2. Volevo chiederle……si può patteggiare la somma da dare a equitalia e saldare tutto in una soluzione??? E poi non ho ricevuto alcune cartelle..posso impugnare l atto???

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI