Diritto e Fisco | Articoli

Il proprietario può eseguire lavori nell’immobile affittato?

13 Marzo 2021
Il proprietario può eseguire lavori nell’immobile affittato?

Il proprietario dell’immobile da me condotto in affitto vuole eseguire lavori per poter sfruttare il bonus 110%. Io sono contraria a far eseguire questi lavori. Come mi tutelo? Preciso che nel contratto non è previsto nulla al riguardo.

La legge (cioè l’articolo 1583 del Codice civile) impone all’inquilino di consentire l’esecuzione di lavori all’interno dell’appartamento soltanto se si tratta di riparazioni urgenti (cioè riparazioni che non è possibile spostare al termine del contratto).

Solo in questo caso l’inquilino è obbligato a far eseguire i lavori anche se a causa di essi fosse costretto a subire diminuzioni nel godimento dell’appartamento (con la possibilità di ottenere una riduzione del canone, proporzionale alla durata delle riparazioni ed al disagio subito, se i lavori durassero più di venti giorni).

Se, invece, i lavori che il proprietario intende eseguire all’interno dell’immobile non fossero urgenti e necessari, allora l’inquilino può opporsi alla loro esecuzione ed il proprietario non ha alcun mezzo per obbligarlo, nemmeno ricorrendo al giudice.

Nel suo caso, quindi, se i lavori da eseguire non hanno carattere di urgenza, lei ha diritto di opporsi alla loro esecuzione anche perché non c’è nel contratto una clausola che autorizza il proprietario ad eseguire lavori non urgenti all’interno dell’immobile.

Il proprietario perciò, per ottenere il consenso per eseguire i lavori indicati, dovrà trovare un accordo con lei (anche economico, per intenderci), altrimenti dovrà rinunciare all’esecuzione delle opere finché il contratto sarà scaduto o finché lei non avrà cambiato idea.

Per completezza aggiungo che i lavori sarebbero da considerare urgenti (e lei in quel caso sarebbe obbligata per legge a farli eseguire) solo se le parti su cui intervenire fossero in condizioni tali da costituire un imminente pericolo per la sicurezza anche sua, degli altri condomini e/o di terzi o per la stabilità dell’edificio.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube