Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Licenziamento per cessata attività

13 Marzo 2021
Licenziamento per cessata attività

Sono stata licenziata per cessata attività. Ho dato incarico al mio avvocato d’impugnare il licenziamento. La risposta della controparte è stata un’offerta di 4 mensilità. La società è attualmente in liquidazione e fa parte di un gruppo la cui casa madre è a HK.  C’è sempre stata molta promiscuità gestionale e operativa fra le due società. Posso ottenere più mensilità, o la reintegra?

La risposta alla Sua domanda passa da una serie di variabili che possono aumentare o diminuire le possibilità di vincita in un giudizio da intraprendere dinanzi al Tribunale di competenza: fondatezza dei motivi di impugnazione, violazione della legge sul blocco dei licenziamenti, eventuali prove testimoniali sono alcune degli elementi chiave di un processo.

Certo è che Lei, assunta contrattualmente con la società Alpha, difficilmente potrebbe ottenere una sentenza di condanna nei confronti della società Beta, a meno che non dimostri l’esercizio lavorativo sostanziale in favore dell’altra compagine (ad esempio, con prove testimoniali dei Suoi ex colleghi).

E infatti, per potere utilmente invocare una pronuncia nei confronti di un soggetto distinto dal formale datore di lavoro cui è stata rivolta l’impugnazione del licenziamento è, sul piano logico e sul piano giuridico, preliminare condizione quella di vedere costituito un rapporto di lavoro anche o in via esclusiva con il diverso datore di lavoro cui si pretende di estendere gli effetti risarcitori di un licenziamento di cui si lamenti l’illegittimità (da ultimo, Tribunale Perugia, sez. lav., 02/02/2020, n. 19).

Tuttavia, come avrà avuto modo di spiegarLe il Suo avvocato, il giudizio è caratterizzato da un’aleatorietà tale per cui non è possibile pronosticare con certezza l’esito fausto, o nefasto del processo lavoro.

Dai pochi elementi a mia disposizione credo che l’offerta possa essere congrua e accettabile, posto che:

  • si avvicina al massimo riconoscibile dalla legge e, quindi, dal Giudice;
  • l’azienda cesserà l’attività presto e Lei rischierebbe di ritrovarsi con un pugno di mosche in mano.

L’eventuale condanna dell’altra società passerebbe dalle prove testimoniali da assumere, dove non vi è mai certezza della deposizione.

Il fatto che la società sia in liquidazione e in procinto di chiudere mi fa dubitare dei vantaggi di una reintegra a lavoro; a meno che, ripeto, l’altra società venga condannata – quale sostanziale datrice di lavoro – alla riassunzione della lavoratrice.

Non avendo documentazione alla mano, Le posso dire che raccogliere frutti concreti dall’azione legale mi sembra molto difficile.

Se non ci fosse stata un’offerta sul piatto, allora Le avrei consigliato di procedere comunque col giudizio ma, offerta alla mano, il mio consiglio è quello di accettare  e salvare il ristoro economico che, seppur minimo, sarebbe di certa esigibilità.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Salvatore Cirilla



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube