Diritto e Fisco | Articoli

Cosa sono i gruppi di acquisto solidale?

12 Luglio 2021
Cosa sono i gruppi di acquisto solidale?

La necessità sempre crescente di imprimere i valori etici nell’economia di mercato ha determinato la nascita di gruppi di persone che orientano l’acquisto a specifici valori etici, sociali ed ambientali.

Lo sviluppo della rete Internet ha aperto delle possibilità di interazione e di condivisione inedite per le persone, abbattendo i tradizionali confini spazio-temporali. Internet ha permesso a persone accomunate dai medesimi valori ed interessi di trovarsi online e di sviluppare progetti comuni. Non c’è dubbio che la Rete abbia favorito anche la nascita di gruppi di persone che si sono organizzate per acquistare insieme beni e servizi, seguendo determinati valori e principi. Ma cosa sono i gruppi di acquisto solidale?

Come vedremo, i gruppi di acquisto solidale sono raggruppamenti di persone unite dalla volontà di procedere insieme all’acquisto di beni seguendo logiche diverse da quelle imperanti nell’economia di mercato. Secondo i dati, il fenomeno dei gruppi di acquisto solidale ha assunto, ormai, dimensioni considerevoli e la spesa legata a questi gruppi muove milioni di euro ogni anno.

Gruppi di acquisto solidale: cosa sono?

Sono sempre di più, nel mondo, le persone che rifiutano le logiche tradizionali dell’economia di consumo. Molte persone non si accontentano più di comperare prodotti di cui non conoscono la provenienza, le metodologie produttive, l’impatto ambientale e sociale e vogliono acquistare dei beni in coerenza con i propri principi etici, morali e valoriali. Per questo nascono i gruppi di acquisto solidale (Gas).

Le esigenze che hanno determinato la nascita dei Gas sono, in particolare, le seguenti:

  • la necessità di preservare l’ambiente e di adottare metodologie di produzione sostenibili;
  • la volontà di tutelare le condizioni di lavoro delle persone addette alla produzione dei beni di consumo;
  • la necessità di assumere alimenti sani, privi di sostanze chimiche e a chilometro zero.

Proprio per soddisfare tali esigenze nascono i Gas, ossia, gruppi di consumatori che decidono di unirsi per acquistare, insieme, prodotti realizzati con metodologie rispettose dei propri valori. Dietro ai Gas, si nasconde il rifiuto della logica produttivistica che è alla base dei prodotti di largo consumo.

Gas: che differenza c’è con i gruppi di acquisto?

I Gas si differenziano dai gruppi di acquisto standard proprio per la presenza di una connotazione etica e sociale. Il gruppo di acquisto tradizionale, invece, persegue soprattutto una finalità di risparmio, facendo leva sul maggiore potere negoziale del gruppo rispetto al singolo consumatore.

Nel Gas, invece, il mettersi insieme non è finalizzato al mero risparmio, bensì a realizzare un consumo critico, rispetto dei principi di equità, solidarietà e sostenibilità dei propri acquisti. I Gas, generalmente, predicano un maggiore rapporto tra acquisto ed ambiente circostante, prediligendo il consumo di prodotti rispettosi delle tradizioni agricole e gastronomiche locali.

Gas: quali sono i criteri di scelta del fornitore?

La logica alla base del Gas è semplice: selezionare i fornitori dei prodotti da acquistare scegliendo coloro che forniscono maggiori garanzie di rispetto dei valori condivisi dal gruppo.

In particolare, i principali criteri seguiti dai Gas per scegliere i fornitori sono i seguenti:

  • qualità dei prodotti;
  • rispetto dei diritti e della dignità dei lavoratori;
  • produzione sostenibile e rispettosa dell’ambiente;
  • riduzione degli imballaggi;
  • uso di sostanze naturali e non utilizzo di sostanze chimiche e antibiotici;
  • rispetto delle tradizionali locali e del principio del Km 0.

Gas: disciplina normativa e fiscale

Il fenomeno dei Gas, nel corso degli anni, ha assunto dimensioni importanti e movimenta milioni di euro di spesa alimentare. Proprio per questo, la legge è intervenuta a normare il fenomeno.

Il Gas viene definito dal legislatore [1] come quell’insieme di soggetti che decidono di unirsi tra loro al fine di acquistare collettivamente dei beni e distribuirli tra loro, con finalità etiche, di solidarietà sociale e di sostenibilità ambientale. Ai Gas che presentano queste caratteristiche la legge riconosce un’importante agevolazione fiscale: le attività svolte da questi gruppi di soggetti non si considerano commerciali ai fini dell’applicazione dell’Iva e delle imposte sui redditi.


note

[1] Art. 1 co. 266 e 267 L. 244/2007.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube