Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Ristrutturazione interna: serve autorizzazione paesaggistica?

5 Marzo 2021 | Autore:
Ristrutturazione interna: serve autorizzazione paesaggistica?

La domanda di un lettore: devo ristrutturare l’appartamento ma nel portale d’ingresso c’è un fregio sottoposto a vincoli: va sentita la Soprintendenza?

Un lettore ci scrive: «Ho acquistato un appartamento al terzo piano di un palazzo in cui è presente un fregio architettonico (nel portale di ingresso di un appartamento sito al piano terra) sottoposto alla tutela della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio. Dovendo procedere a lavori di ristrutturazione del mio appartamento, vorrei sapere se è necessario chiedere l’autorizzazione della Soprintendenza».

La risposta al quesito la si trova nel Codice dei beni culturali e del paesaggio [1]. L’articolo 146 dispone che «qualora un soggetto proprietario, possessore o detentore a qualsiasi titolo di un bene voglia intervenire su un immobile o un’area tutelati dal punto di vista paesaggistico, è necessario che, oltre al titolo edilizio previsto per la tipologia di intervento, richieda l’autorizzazione paesaggistica». Tale autorizzazione viene rilasciata dalla Regione o da un ente pubblico delegato dalla stessa, come il Comune, un Ente Parco o una Provincia.

Tuttavia, l’articolo 149 dello stesso Codice stabilisce che per alcune opere non è necessario il rilascio dell’autorizzazione paesaggistica. Tra questi, vengono citati gli interventi «di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e restauro conservativo, a condizione che non alterino lo stato dei luoghi e l’aspetto esteriore degli edifici».

La legge stabilisce anche che il permesso non è necessario nemmeno per le opere interne dell’edificio se non altera il suo aspetto esteriore [2].

Se ne deduce che non è richiesta l’autorizzazione della Soprintendenza per realizzare i lavori di ristrutturazione nella parte interna dell’edificio e, nel caso del lettore, nell’appartamento sito al terzo piano dello stabile, poiché non altera l’aspetto esteriore del palazzo.


note

[1] Dlgs 42/2004.

[2] Art. A.1 allegato A al DPR 31/2017.


Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube