Decreto Sostegno: il bonus da mille euro

5 Marzo 2021
Decreto Sostegno: il bonus da mille euro

Il nuovo contributo allo studio del Governo per aiutare chi è stato maggiormente colpito dalla crisi economica dovuta all’emergenza sanitaria.

Si chiamerà Decreto Sostegno e non Decreto Ristori, ma il risultato nella sostanza non cambia: il provvedimento sul quale il Governo Draghi sta lavorando e che conta di ultimare entro metà mese, conterrà misure per aiutare i lavoratori più colpiti dall’emergenza Coronavirus.

È tutto ancora in fase di «allestimento». L’Esecutivo ha davanti una finestra compresa tra una settimana e una decina di giorni per calendarizzare una serie di riunioni, ultimare la discussione sul testo e rendere note le nuove misure. Intanto, in questi giorni, sta circolando un’ipotesi preliminare sui contenuti del provvedimento da 32 miliardi di euro. Una prima bozza che potrebbe già includere alcune delle future misure.

Il bonus da mille euro

Tra le possibili agevolazioni per i lavoratori più danneggiati dalla pandemia anche un bonus da mille euro. Laddove il contributo fosse confermato quasi sicuramente la prima erogazione sarebbe ad aprile, difficile che possa avvenire già a marzo.

La somma dovrebbe essere versata alle stesse categorie di lavoratori che, proprio per il fatto di aver subìto una consistente riduzione del fatturato a causa della crisi economica scaturita dal Covid, avevano beneficiato delle precedenti misure di sostegno.

Dunque, il nuovo contributo verrebbe percepito da lavoratori autonomi e occasionali, lavoratori stagionali del martoriato settore del turismo e degli stabilimenti termali, incaricati di vendite a domicilio.

Ma potrebbero essere incluse anche le partite Iva iscritte alla gestione separata. In caso di estensione del bonus mille euro anche a questi lavoratori, una possibilità è che venga stabilito un tetto potenzialmente pari a circa 50mila euro.

Gli altri contenuti del decreto

Essendo il decreto mirato a intervenire in favore di numerose categorie di lavoratori, molte sono le misure pensate per salvare le attività più duramente colpite.

Intanto si parla di inserire nel provvedimento una proroga del blocco dei licenziamenti economici, cioè quelli per giustificato motivo oggettivo, fino a tutto il mese di giugno. Il decreto dovrebbe anche estendere all’intero 2021 la cassa integrazione Covid, dunque non più per tranche di settimane.

Quanto ai ristori, l’erogazione dovrebbe avvenire attraverso una nuova piattaforma la cui gestione sarà in capo a Sogei. Obiettivo: fare in modo che gli indennizzi siano a disposizione dei lavoratori entro il 30 aprile. A beneficiare degli aiuti saranno 2,7 milioni di soggetti, tra imprese e professionisti, con fatturato fino a 5 milioni di euro e che hanno subito perdite pari ad almeno il 33% della media mensile dei loro introiti nel 2019.

Agli operatori del turismo invernale dovrebbero andare, complessivamente, come da bozza del nuovo decreto, aiuti per 600 milioni di euro, per via della mancata riapertura della stagione sciistica.

Previste, inoltre, anche misure come lo stop all’invio di nuove cartelle esattoriali fino al 30 aprile (termine dell’emergenza sanitaria) e lo stralcio dei vecchi atti non pagati, compresi tra il 2000 e il 2015 e di importo inferiore ai cinquemila euro (per approfondire leggi qui: Bollo auto e multe: chi non dovrà pagare).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube