Diritto e Fisco | Articoli

Quanto costa una visura ipotecaria?

15 Luglio 2021 | Autore:
Quanto costa una visura ipotecaria?

La ricerca nella banca dati ipotecaria comporta il pagamento di specifiche tasse, se colui che la effettua non è titolare, neanche pro-quota, di alcun diritto reale sul bene immobile oggetto dell’ispezione.

La visura ipotecaria, anche denominata visura ipocatastale, è un documento che viene rilasciato a seguito di un’ispezione ipotecaria effettuata nei registri, nelle note e nei titoli depositati presso i Servizi di pubblicità immobiliare dell’Agenzia delle Entrate – Territorio. Nella visura ipotecaria, sono riportati i dati e le informazioni relativi alle proprietà immobiliari intestate ad un determinato soggetto, sia persona fisica sia persona giuridica, la presenza di gravami sulle stesse pendenti quali ad esempio ipoteche legali o giudiziarie, pignoramenti, citazioni, ecc. nonché le tipologie degli atti di provenienza che hanno portato all’acquisizione di diritti reali sugli immobili (compravendita, donazione, successione o altri tipi di atti).

L’ispezione ipotecaria può essere richiesta presso i competenti uffici dell’Agenzia delle Entrate oppure online tramite i servizi telematici Entratel o Fisconline.

Quanto costa una visura ipotecaria? Nulla, se l’ispezione ipotecaria viene eseguita per beni immobili dei quali il richiedente risulta titolare, anche in parte, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento. Se, invece, il richiedente non è titolare dell’immobile, neanche pro-quota, per il costo di una visura ipotecaria si applicano i tributi previsti dalla tabella tasse ipotecarie.

Visura ipotecaria: a cosa serve?

La visura ipotecaria serve per conoscere lo status di un immobile. Infatti, nella stessa, sono riportate, tra l’altro, le trascrizioni, le iscrizioni e le annotazioni relative al bene, presenti nella banca dati ipotecaria.

Più precisamente, in una visura ipotecaria sono indicati:

  • la descrizione catastale dell’immobile;
  • la quota di proprietà;
  • l’ubicazione precisa del bene;
  • l’atto pubblico di provenienza;
  • l’elenco delle formalità, cioè:
    • le trascrizioni, relative agli atti di trasferimento o di costituzione di diritti reali sul bene immobile (vedi le compravendite, le donazioni e le successioni) e agli atti che istituiscono vincoli sull’immobile (sequestri, pignoramenti, domande giudiziali);
    • le iscrizioni, riferite alla costituzione di ipoteche sull’immobile derivanti, ad esempio, da un contratto di finanziamento;
    • le annotazioni delle precedenti trascrizioni, iscrizioni ed annotazioni, come la cancellazione di ipoteche e di pignoramenti.

Visura ipotecaria: come si ottiene?

La visura ipotecaria si può ottenere richiedendo un’ispezione ipotecaria presso gli sportelli degli uffici provinciali dell’Agenzia delle Entrate – Territorio – Servizi di pubblicità immobiliare oppure utilizzando il servizio di ispezione ipotecaria telematica, disponibile sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate.

L’ispezione ipotecaria può essere condotta per:

  • soggetto, così da conoscere tutti i beni immobili di proprietà di una persona fisica o di una persona giuridica e gli eventuali gravami ed ipoteche registrati a suo carico;
  • immobile, per accertare le formalità registrate su un determinato bene immobile, la data delle stesse, il numero di registro, se particolare o generale, se si tratta di formalità a favore (nell’ipotesi dell’acquirente) o contro (nel caso del venditore) e il tipo di atto (compravendita, ipoteca legale, ecc.);
  • nota, in modo da ottenere i dati specifici relativi ad una formalità determinata;
  • incrociata per soggetto/immobile, grazie alla quale si possono individuare e visionare le note di interesse.

Ispezione ipotecaria in ufficio: in cosa consiste

Per eseguire un’ispezione ipotecaria in ufficio con conseguente rilascio della visura, l’interessato deve compilare e presentare allo sportello il modulo di richiesta ispezione Modello 310; se è meno esperto può utilizzare il Modello 310 – semplificato. I moduli sono disponibili anche in formato cartaceo presso gli uffici.

L’ispezione ipotecaria è possibile solo per il periodo inerente alla meccanizzazione degli uffici e può essere effettuata anche in ambiti circoscrizionali diversi da quello dell’ufficio dove viene presentata la richiesta.

La ricerca può essere fatta su qualsiasi circoscrizione del territorio nazionale, ad esclusione delle province di Trento, Bolzano, Trieste, Gorizia e delle altre zone nelle quali vige il sistema tavolare.

Quanto costa una visura ipotecaria in ufficio

Se il soggetto interessato al rilascio di una visura ipotecaria non è titolare dell’immobile, neanche pro-quota, per il servizio di ispezione ipotecaria in ufficio si applicano i tributi previsti dalla tabella delle tasse ipotecarie [1].

Più nel dettaglio per le ispezioni nominative, per immobile o congiunte per soggetto/immobile,

  • se la ricerca avviene su base informativa, le tasse ipotecarie sono pari a:
    • 7,00 euro, per ogni nominativo richiesto, per ciascuna unità immobiliare richiesta oppure per ciascuna richiesta congiunta. L’importo è comprensivo delle prime 30 formalità o frazione di 30, contenute nell’elenco sintetico;
    • 3,50 euro, per ogni gruppo di 15 formalità o frazione di 15, eccedenti le prime 30 contenute nell’elenco sintetico;
  • se la ricerca avviene nei registri cartacei [2] le tasse ipotecarie sono pari a:
    • 3,00 euro, per ogni nominativo richiesto;
    • 8,00 euro, per ogni titolo stampato;
    • 4,00 euro, per ogni nota stampata o per ogni nota o titolo visionati. Per le note cartacee relative al periodo automatizzato e per quelle validate del periodo anteriore all’automazione degli uffici, l’importo è dovuto in misura doppia.

Sia per la ricerca su base informativa sia per la ricerca nei registri cartacei, l’importo è dovuto all’atto della richiesta. Peraltro, dal 1° ottobre 2012, per la consultazione telematica della banca dati ipotecaria, l’importo è dovuto con una riduzione del 10% [3].

Ispezione ipotecaria online: come farla e quanto costa

Il titolare, anche pro-quota, del diritto di proprietà o di altri diritti reali su un bene immobile può consultare online la banca dati ipotecaria a titolo gratuito e in esenzione da tributi, previa registrazione ai servizi telematici Entratel/Fisconline.

Se la persona non è, neanche in parte, titolare dell’immobile può utilizzare il servizio di ispezione ipotecaria telematica, limitatamente, però, alla ricerca delle persone fisiche. In questo caso il costo del servizio per ogni consultazione è pari alla tariffa vigente diminuita del 10% e aumentata del 50%. Quindi, per ogni nominativo della ricerca il costo ammonta ad 9,45 euro. Se nell’elenco sintetico relativo al soggetto sono presenti più di 30 formalità, bisogna pagare ulteriori 4,73 euro per ogni gruppo di 15 formalità. Per ogni formalità consultata sono dovuti 5,40 euro.

Il pagamento, che avviene al momento della richiesta del servizio, va effettuato mediante il sistema pagoPA. Le commissioni applicate sono variabili in base al prestatore di servizi di pagamento (Psp) e allo strumento di pagamento prescelto.

I documenti richiesti rimangono disponibili fino a 7 giorni dal pagamento, dopodiché non saranno più visionabili né potranno essere prelevati.


note

[1] La tabella delle tasse ipotecarie, prevista dal D. Lgs. n. 347/1990, è stata modificata dal D.L. n. 16/2012 ed integrata dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia del Territorio 26/09/2012.

[2] Per registri cartacei si intendono i repertori, le tavole e gli schedari.

[3] Art. 6, co. 5-sexies, D.L. n. 16/2012, convertito in legge, con modificazioni, dalla L. n. 44/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube