Scuola: nessuna data per la riapertura

9 Marzo 2021 | Autore:
Scuola: nessuna data per la riapertura

Il ministro dell’Istruzione Bianchi: «Non dipende solo dal Governo ma da tutto il Paese». Protestano i genitori. Medici e infermieri in subbuglio.

È un vero e proprio braccio di ferro quello in corso tra il Governo ed i genitori dei bambini costretti a rimanere a casa per la chiusura delle scuole a causa del Covid. E le notizie che arrivano dal ministero dell’Istruzione non sono confortanti: una data per la riapertura ancora non c’è. Il ministro Patrizio Bianchi, partecipando ad un seminario sull’autonomia scolastica, lo ha detto chiaro e tondo: «Non c’è un orizzonte per la riapertura, è la nostra capacità di essere uniti che ci dà l’orizzonte, la responsabilità non è solo del Governo, è di tutto il Paese».

Quell’orizzonte così lontano, però, non piace ai genitori che in più città italiane hanno dato il via alla protesta contro le aule deserte e l’obbligo della didattica a distanza. Un po’ perché preoccupati di vedere i bambini isolati in casa, senza avere rapporti con i compagni se non attraverso un monitor. E un po’ perché una situazione del genere non è facile da gestire, soprattutto per chi ha figli piccoli. Le chances che papà e mamma lavoratori hanno in mano non sono molte: prendersi le ferie, chiedere un congedo o chiamare (e pagare) una baby sitter. A questo proposito, il decreto Sostegno che verrà approvato in settimana conterrà dei fondi per le famiglie e per le scuole. Ma forse non basterà a calmare gli animi di chi, nel frattempo, deve metterci una pezza. Tenendo conto, oltretutto, della raccomandazione ufficiale di non portare i bambini dai nonni per evitare altri contagi.

Ad alimentare le polemiche, la decisione di tenere a casa anche i figli del personale sanitario. Medici e infermieri sbarrano gli occhi di fronte a una decisione che potrebbe pesare su un servizio così indispensabile in questo momento come la sanità. Il ministero non vuole fare differenze: la professione dei genitori non è un motivo sufficiente per portare i bambini in aula. Se non altro, perché non c’è un decreto che lo consenta.

«Siamo sconcertati per il susseguirsi di decisioni contrastanti sulla possibilità per i figli dei medici, degli odontoiatri e dei sanitari in genere di poter frequentare la scuola in presenza», fa sapere il presidente della Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri, Filippo Anelli. «Avevamo chiesto per l’8 marzo un cambio di passo nelle organizzazioni sociali, che consentisse alle professioniste e ai professionisti di conciliare la vita lavorativa con quella familiare: invece, i nostri figli trovano chiuse in molte regioni, e senza preavviso, le porte dei loro istituti scolastici». Anelli chiede di «ripristinare subito la delega. È un giusto riconoscimento del ruolo che, tutti in egual misura, ricoprono nella gestione della pandemia. La scuola deve accogliere i figli dei sanitari, dando modo ai genitori di continuare a svolgere la loro professione con serenità».

Dello stesso parere il sindacato degli infermieri: «La scuola in presenza, nelle zone rosse, va garantita anche ai figli del personale sanitario», sostiene Nursind. «La categoria degli infermieri, che è costituita in larga parte da donne, infatti, non può trovarsi di fronte al vicolo cieco di dover continuare a lavorare al servizio della collettività nella lotta al Covid e vedersi costretta ad abbandonare i propri figli minorenni a casa».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube