Diritto e Fisco | Articoli

Cancellerie di tribunali aperte 5 ore al giorno. Vietate riduzioni arbitrarie

24 febbraio 2014


Cancellerie di tribunali aperte 5 ore al giorno. Vietate riduzioni arbitrarie

> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 febbraio 2014



Sentenza valida per tutti gli uffici d’Italia: il Consiglio di Stato bacchetta i tribunali che dispongono limiti arbitrari negli orari di apertura e chiusura delle cancellerie e segreterie giudiziarie; la legge non ammette deroghe per nessuna ragione.

La legge [1] parla chiaro: le cancellerie e le segreterie dei tribunali devono rimanere aperte cinque ore durante i giorni feriali. I capi degli uffici giudiziari non possono perciò derogare a tale precetto stabilendo arbitrarie riduzioni.

A bacchettare le auto-limitazioni dell’orario di lavoro è una recente ed importante sentenza del Consiglio di Stato [1], che interviene per annullare un provvedimento del Tribunale di Roma che aveva decretato l’apertura delle cancellerie dalle ore 9 alle 12.

È vero che i dirigenti degli uffici giudiziari hanno il potere regolamentare di stabilire l’orario di apertura al pubblico delle cancellerie e segreterie, ma, in ogni caso, devono osservare in modo categorico il limite della durata dell’orario di apertura di cinque ore giornaliere.

Insomma, addio aperture e chiusure a singhiozzi o, addirittura, riduzioni dell’orario lavorativo, giustificate da carenza di personale o altre motivazioni similari. Gli uffici devono restare a disposizione dell’utenza cinque ore al giorno. Non sono ammesse eccezioni. E l’interpretazione è valida per gli uffici di tutta Italia.

 

note

 

[1] Art. 162 L. 1196/62;

[2] Cons. St. sent. n. 798/14.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI