Diritto e Fisco | Articoli

Regole per il trasporto dei cani

19 Luglio 2021
Regole per il trasporto dei cani

Portare con sé gli animali domestici durante un viaggio è possibile ma occorre prestare attenzione alle regole previste dal Codice della strada.

Hai un cane al quale sei molto affezionato. Hai deciso di andare in vacanza con la tua famiglia ma non hai intenzione di lasciare l’animale in una clinica per cani. Vuoi portarlo con te e ti chiedi quali regole devono essere rispettate per il trasporto in auto dell’animale.

Il nostro ordinamento consente ai conducenti di veicoli di portare con sé degli animali domestici. Tuttavia, la presenza di animali nell’abitacolo può diventare un pericolo per la circolazione stradale e, per questo, occorre rispettare le regole per il trasporto dei cani previste dal Codice della strada.

Chi trasporta animali durante il viaggio deve tenere a mente le norme di legge se vuole evitare di ricevere delle sanzioni amministrative. Inoltre, se l’animale deve essere trasportato su un mezzo pubblico, occorre verificare le regole previste dal singolo gestore.

Trasporto di un cane in auto: quali regole?

Le norme che disciplinano la circolazione dei veicoli si trovano all’interno del Codice della strada. Trasportare in auto animali domestici può costituire un pericolo per la sicurezza del conducente e, dunque, dell’intera circolazione. L’animale, infatti, potrebbe muoversi all’interno dell’abitacolo e distrarre il conducente mettendo in pericolo la conduzione del mezzo.

Per questo, la legge [1] consente al conducente di trasportare liberamente gli animali domestici (cani e gatti) ma a condizione che gli stessi siano custoditi in un’apposita gabbia o trasportino, oppure siano assicurati nel vano posteriore dell’automobile appositamente diviso dal resto dell’abitacolo da una rete o da un analogo divisorio.

Trasporto di un cane in auto: quali sanzioni?

Le regole di trasporto degli animali in auto non hanno un valore meramente indicativo ma devono essere obbligatoriamente rispettate, pena l’applicazione di sanzioni. In particolare, la legge prevede che il mancato rispetto delle regole previste dal Codice della strada in materia di trasporto degli animali può determinare l’applicazione di una multa compresa tra 68,5 euro e 275,10 euro, nonché la decurtazione di 1 punto dalla patente di guida.

Le conseguenze di uno scorretto trasporto degli animali, tuttavia, non si limitano alle possibili sanzioni comminate dalla Polizia stradale. Il conducente, infatti, a causa della presenza dell’animale, potrebbe cagionare dei danni ad altri conducenti e ai loro mezzi ed essere, dunque, chiamato a risponderne sia in sede civile che in sede penale.

Trasportare un cane in auto: quali consigli?

Per le ragioni che abbiamo illustrato, è molto importante rispettare le regole previste dalla legge per il trasporto in auto di un animale domestico.

Per essere sicuri di agire nel rispetto della legge è possibile trasportare il cane con tre diverse modalità alternative:

  1. utilizzando il trasportino: si tratta di uno strumento molto utile ed efficace poiché impedisce all’animale di uscire all’esterno e di disturbare il conducente. Il cane, tuttavia, deve essere abituato a restare chiuso in un piccolo ambiente come il trasportino altrimenti potrebbe avere delle reazioni imprevedibili. Oltre che rendere sicura la guida del veicolo, il trasportino contribuisce anche alla sicurezza del cane in caso di sinistro stradale;
  2. assicurando l’animale con una cintura di sicurezza per cani: si tratta di una apposita imbragatura che può essere attaccata alla cintura di sicurezza a tre punti in dotazione su ogni automobile e che immobilizza l’animale senza, tuttavia, chiuderlo in un ambiente angusto come un trasportino. In commercio, sono presenti cinture di sicurezza di diverse taglie che consentono di scegliere quella più adatta alle dimensioni dell’animale;
  3. installando una rete divisoria rigida: questo divisorio viene posizionato, solitamente, dietro i sedili posteriori e consente di isolare il bagagliaio del veicolo rendendolo uno spazio a sé stante interamente adibito all’animale domestico.

Trasporto del cane sui mezzi pubblici: le regole

Per quanto concerne la possibilità di trasportare gli animali domestici sui mezzi pubblici occorre consultare le regole previste dal singolo gestore del mezzo (società di gestione del trasporto pubblico locale, Trenitalia, vettore aereo, compagnia di navigazione, etc.).

Per quanto concerne il treno, ad esempio, Trenitalia prevede la possibilità per il passeggero di trasportare cani di piccola taglia, gatti e altri animali domestici gratuitamente in prima e seconda classe, su tutte le categorie di treno e nei livelli di servizio Executive, Business, Premium e Standard. La compagnia richiede, tuttavia, che gli animali siano custoditi in un trasportino che non superi le misure di 70x30x50.


note

[1] Art. 169 cod. strada.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. I miei vicini ogni estate partono in viaggio e fanno oltre 15 ore in auto costringendo il loro povero cane a soffrire il caldo e lo spazio ristretto… Si fermano ogni tot di chilometri, ma immaginate che costrizione assurda è per questi poveri animali sopportare questa sofferenza!

Rispondi a Walter Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube