Cronaca | News

Covid: dove ci si può vaccinare in azienda

10 Marzo 2021
Covid: dove ci si può vaccinare in azienda

Al momento, c’è un’unica regione che ha predisposto un protocollo, ma la concreta applicazione dovrà essere vagliata dal commissario straordinario all’emergenza.

E se fabbriche e aziende diventassero ulteriori siti di vaccinazione contro il Coronavirus? È una prospettiva che, a breve, dovrebbe diventare realtà. In prima linea, per cogliere questa opportunità c’è la Lombardia, la regione in assoluto più colpita dall’emergenza sanitaria. Qui il protocollo d’intesa è già pronto e approvato. Vede coinvolte, oltre alla Regione, le associazioni di categoria Confindustria, Confapi e Anma, associazione dei medici competenti. L’intento è moltiplicare i luoghi dov’è possibile ricevere la somministrazione del vaccino anti-Covid, in modo tale da accelerare i tempi dell’immunizzazione.

La Lombardia è quella più avanti, in questo senso, ma anche altre Regioni stanno lavorando nella stessa direzione. Sono Puglia, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige.

Nel territorio lombardo, in particolare, Confindustria ha avviato una ricognizione per individuare le imprese disponibili a destinare una parte dei loro locali a punto di vaccinazione. Dalla sede nazionale è stato inviato alle sedi locali e, dunque, alle aziende, un questionario per saggiare l’idoneità dei siti.

Il protocollo lombardo, per diventare operativo, dovrà prima passare al setaccio della struttura commissariale incaricata della gestione dell’emergenza sanitaria. Al vertice, da poche settimane, il generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo che ha preso il posto dell’ex commissario Domenico Arcuri. Sarà Figliuolo a integrare e definire con precisione le modalità di attuazione del piano.

Nelle prossime settimane, saranno coinvolti anche i sindacati dei lavoratori, con i quali Confindustria si impegna a condividere il piano, così come, a inizio emergenza, erano stati condivisi i protocolli per evitare il contagio in azienda.

«In poco tempo potremmo arrivare a vaccinare 300-400 mila lavoratori – è la speranza di Marco Bonometti, presidente di Confindustria Lombardia, intervistato dal Corriere della Sera -. Potremmo fare 150mila vaccinazioni alla settimana, coinvolgendo anche i familiari dei dipendenti. Mi auguro che l’iniziativa parta subito».

La vicepresidente della Regione Letizia Moratti si affretta a precisare che queste vaccinazioni non scavalcheranno i pazienti che hanno necessità di immunizzarsi a breve. La misura servirà, piuttosto, a ridurre la pressione sugli ospedali e distribuire meglio la filiera del vaccino.

Perché il protocollo diventi esecutivo, ci sono ancora alcuni scogli da superare. Il primo riguarda le bassissime temperature di conservazione del siero anti-Covid, pari a -70/-80 gradi. Bisognerà poi fare in modo che ogni industria che accetti di diventare punto di vaccinazione o «fabbrica di comunità», come sono state definite, si doti di personale medico ad hoc. Non tutte le aziende hanno un medico competente, dunque andranno organizzati dei presidi sanitari nei siti di vaccinazione sul luogo di lavoro.

L’Anma, per tutelare i suoi iscritti, ha posto alcune condizioni. La prima è che l’adesione sia volontaria. La seconda è che ogni medico che si presti a eseguire le vaccinazioni nelle aziende possa farlo senza un aggravio dei costi e sia coperto da un’assicurazione aggiuntiva rispetto a quella che già lo tutela dai rischi della sua attività.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube